Alberto Mariantoni è andato Avanti
Published: 2012-10-24

CIAO ALBERTO

martedì 23 ottobre 2012
E te ne sei andato anche tu caro Alberto come tutti i grandi nella direzione del sole , ma troppo presto e con ancora troppe cose da fare, tu un'altro eretico che aveva quello stile speciale quella parlantina intrigante e irriverente e quel tuo modo di spiegare un'epoca ai più proibita, lasciandoci la tua ultima perla appena in tempo "le storture del male assoluto".
Noi ti ricordiamo con affetto attraverso questo tuo bellissimo scritto e questa eccezionale foto scattata con i primi pasdaran dellla rivoluzione iraniana.
IL BRANCO
Giudaismo, Cristianesimo, Islam
L'arroganza, l'intolleranza e l'inciviltà: al singolare ed al plurale. (2000)
Mi è stato cortesemente ed anonimamente domandato di precisare il mio punto di vista a proposito dell'Islam (sic!). Lo faccio volentieri, anche se, ai miei occhi, questo genere di "innocenti richieste" (per essere obbligati poi a fornire "implicite discolpe"), rassomiglia stranamente - non dico (per ora…) alle famigerate procedure inquisitorie della Spagna di Torquemada, di Norimberga (1945-1946), dei "Processi stalinisti di Praga" del dopoguerra o degli attuali "Interrogatori "democratici" e "liberali" di Guantanamo" contro i Talibani, ma - ad un sintomatico e rivelatore preludio di comportamenti (purtoppo, anche dentro "casa" nostra!) da " Migliore dei mondi " di Aldous Huxley (1894-1963) o da " 1984 " di George Orwell (1903-1950), piuttosto che da Agora o da Forum. Per non essere però troppo "riduttivo" e/o parziale, non mi limiterò soltanto ad esporre il mio punto di vista sull'Islam, ma tenterò - anche se sommariamente - di manifestarlo ugualmente sul Cristianesimo e sul Giudaismo: in definitva, gli altri "fratelli coltelli" della medesima, totalitaria, arrogante e sconcertante Weltanschauung! Che volete, vista la mia trentennale dimestichezza con quelle culture (le chiamo "culture", naturalmente, e non "religioni"…, in quanto ritengo che sarebbe davvero da stolti o, quantomeno, da meri presuntuosi tentare di analizzare e/o di spiegare la "fede" attraverso la "ragione) - ed in aperta e radicale opposizione con l'ormai piu' che millenaria, conformistica, opprimente ed ipocrita tirannia delle "verita' acquisite" - posso senz'altro far notare e confermare che la "visione/concezione dell'uomo, della società e del mondo" che emana e si diffonde dal Giudaismo, dal Cristianesimo e dall'Islam, è esattamente la stessa Weltanschauung. O, se si preferisce: rispettivamente, la formalmente divergente ed incompatibile, ma sostanzialmente univoca e corrispondente "visione/concezione dell'uomo, della società e del mondo"! Quelle tre "culture", infatti, prendono reciprocamente origine da:
1) un medesimo e mendace postulato: "gli uomini sono tutti uguali"…;
2) da un'identica e ingannevole tecnica di manipolazione delle coscienze: quella, cioè, che lascia ingenuamente credere che un ipotetico ed antropomorfo Creatore, per tentare di salvare l'umanità, avrebbe bisogno di "messaggeri" e di "portavoce" autorizzati;
3) uno stesso e criminale "principio motore": quello dell'appropriazione indebita, della confiscazione e della monopolizzazione soggettiva ed arbitraria del concetto di "VERITA'". Non, quindi, la "doxa" degli antichi Greci o la "opinio" dei Latini, ma "LA" (in senso determinativo) "VERITA'" che, per antonomasia e definizione, è sempre ed esclusivamente ASSOLUTA ed INDISCUTIBILE!
Facciamo un esempio: se io, per pura ipotesi, sostenessi (parlo di me, cosi' nessuno si offende…) di essere l'unico portatore assoluto ed indiscutibile della "VERITA'" di cui sopra, come considererei (o sarei costretto a considerare) gli eventuali punti di vista differenziati, discrepanti o dissenzienti dei miei voluti o occasionali interlocutori? Li considererei (o sarei costretto a considerarli) come assolutamente ed indiscutibilmente ERRATI, MISTIFICATORI o FALSI. Quindi, come delle vere e proprie "CONTROVERITA'", assolutamente ed indiscutibilmente INESATTE, ILLUSORIE O MENDACI. E di conseguenza, assolutamente ed indiscutibilmente RIPROVEVOLI, CENSURABILI, CONDANNABILI, REPRIMIBILI e CASTIGABILI.
Che cosa sostengono, da sempre, le suddette "culture"?
Sostengono semplicemente (e miliardi di esseri umani, nel mondo, sono pronti a giurarlo…) ciò che io, per assurda ed astratta finzione, mi sono illogicamente e ridicolmente permesso di rivendicare per me stesso nell'esempio succitato! Di cosa ci lamentiamo, dunque, quando a causa di quelle "culture" costatiamo tra di noi la più completa ed indescrivibile arroganza, intolleranza ed inciviltà? Ma non è tutto. Con la graduale e progressiva laicizzazione delle suddette "culture" (avvenuta a partire dal nostro XVII/XVIII secolo), il concetto di "VERITA'" ASSOLUTA ed INDISCUTIBILE, si è addirittura diffuso alle opere della quasi totalità dei pensatori che si sono successivamente cimentati ad immaginare, strutturare e redigere un qualunque genere di letteratura ideologica. Per rendersene conto, pensiamo ai quotidiani riferimenti alla " democrazia ", ai " diritti dell'uomo ", all' " umanitarismo ", al "liberalismo", al " mercato ", ecc., nella bocca dei nostri politici! Continuiamo, dunque, ancora a meravigliarci, che a causa dell'input di certe innaturali, dogmatiche e oscurantiste "culture", da duemila anni a questa parte, all'interno delle nostre societa', si sia innescata e continui a perdurare una complessa, intricata ed irrisolvibile "guerra civile" permanente?
Continuiamo a sorprenderci ed a sconcertarci che il discorso di fondo (quello, ad esempio, del "bene" assoluto ed indiscutibile contro il "male" assoluto ed indiscutibile…) di un George W. Bush jr. rassomigli stranamente a quello di un Bin Laden?
Oppure, che il cinismo, la faziosità e la deliberata ed impassibile ferocia di un Winston Churchill, di un Franklin D. Roosevelt, di un Harry S. Truman, di uno Joseph Vissarionovich Djugashvili (detto Stalin), di un Mao-Tze-Tung, di un Kim Il Sung, di un Ho-Chi-Min, di un Fidel Castro o di un Pol Pot possano fondamentalmente essere comparati o raffrontati al modo di essere, di esistere e di agire di un Menachem Begin, di un Yitzhak Shamir o di un Ariel Sharon?
O ancora, che le vacue, presuntuose ed arroganti ciance di un Silvio Berlusconi (o quelle dell'omino omonimo della fabbrica dei tortellini) rammentino magistralmente ed inaspettatamente quelle di un Massimo D'Alema, di un Piero Fassino, di un Francesco Rutelli e/o di un Vittorio Agnoletto?
Ovvero, che l'albagia, la sentenziosità e la sfacciataggine congenita di un Fausto Bertinotti, di un Armando Cossutta, di un Marco Pannella o di un Giuseppe Umberto Rauti, detto Pino, (n.d.a.: delle "radici quadrate dei logaritmi degli integrali di Rauti", della cosiddetta "area" non vale nemmeno la pena di parlarne…), prendano sorprendentemente ed invariabilmente origine dal medesimo retroterra culturale? Come sosteneva giustamente François Marie Arouet (detto Voltaire) " ogni setta della "verità", di qualunque genere sia, e' uno schieramento del dubbio e dell'errore. Non esistono sette in geometria: non si dice mai, un "euclidiano", un "archimedista". Quando una verita' e' chiara, e' impossibile che ne nascano partiti e fazioni. Non si e' mai disputato se c'e' luce a mezzogiorno ". Che cosa affermava, invece - in contrapposizione al suesposto concetto di "verità" - la cultura Latina? A Roma, sull'antico Panteon, c'era scritto: " Quod pro ceteri sacrum, pro nobis sacrosanctum est " . Ed un'innominabile statista italiano , romano nel cuore e nello spirito, venticinque secoli più tardi, confermerà quel modo di vedere le cose, in questi termini: " Noi - disse - rispettiamo il Dio degli asceti, dei santi, degli eroi ed anche il Dio così come è visto e pregato dal cuore ingenuo e primitivo delle genti " . Potrebbe, dunque, un uomo come me, profondamente Romano e naturalmente Fascista, dichiararsi musulmano, cristiano o giudeo? Potrebbe, per giunta, condividere o avallare le teorie o l'operato di una qualsiasi di quelle arroganti, intolleranti ed incivili "culture"? Non lo potrebbe! Allora, in conclusione, un consiglio (sia agli occasionali lettori che ai miei accidentali ed ignoti "inquisitori"): Se volete in qualche modo tentare di liberarvi dalla spirale di odio, di violenza e di distruzione che continua a sconvolgere e ad opprimere le nostre società, incominciate a "credere in quelli che cercano incessantemente la verità e diffidate di quelli che l'hanno già trovata" (André Gide)!Alberto B.
Pubblicato da Il Branco 22.35 del 23 Ottobre 2012 Fonte: http://ilbrancoroma.blogspot.it/2012/10/ciao-alberto.html?spref=fb Articoli di Alberto Mariantoni : - Le storture del male assoluto...i “crimini” fascisti che hanno fatto grande l’Italia (http://olo-truffa.myblog.it/archive/2012/01/03/le-storture-del-male-assoluto-i-crimini-fascisti-che-hanno-f.html) - Tolleranza ed intolleranza dall'antichità ad oggi (http://olo-truffa.myblog.it/archive/2011/11/29/tolleranza-ed-intolleranza-dall-antichita-ad-oggi-di-alberto.html) - Antisemitismo:finiamola con gli equivoci ( http://olo-truffa.myblog.it/archive/2011/06/07/antisemitismo-finiamola-con-gli-equivoci.html ) - "Innata Societas’ o ‘Simulata Societas’? ( http://olo-truffa.myblog.it/archive/2011/11/28/innata-societas-o-simulata-societas-di-alberto-b-mariantoni.html )
- israele è : un "imbroglio diplomatico", "istituzionale", "religioso", "economico", "societario" ( http://olo-truffa.myblog.it/archive/2011/05/07/temp-6e7db60dd0703846021bc6d8eb3fb68a.html )
- Dopo 58 anni…la Storia incomincia a raccontare il vero! ( http://olo-truffa.myblog.it/archive/2011/05/06/temp-f3c626ef014b507465b43849991739cd.html )

______________________

N.B. Sono graditi segnalazioni di errori o malfunzionamenti dei links.Grassetto, foto, sottolineatura, evidenziazione, NON sono parte del testo originale qui riprodotto, in BLUE testi di Olodogma. Mail: [email protected] . Per consultare l’elenco di TUTTI gli articoli presenti su Olodogma cliccare QUI http://olodogma.com/wordpress/elenco-generale-articoli/

Olodogma informa che: 1) non esercita filtro sui commenti dei lettori,2) gli unici proprietari e responsabili dei commenti sono gli autori degli stessi,3) in nessun caso Olodogma potrà essere considerato responsabile per commenti lesivi dei diritti di terzi,4) verranno immediatamente rimossi: a) messaggi non concernenti il tema dell’articolo, b) messaggi offensivi nei confronti di chiunque, c) messaggi il cui contenuto costituisca una violazione delle leggi vigenti (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Additional information about this document
Property Value
Author(s): Olodogma
Title: Alberto Mariantoni è andato Avanti
Sources:
n/a
Contributions:
n/a
Published: 2012-10-24
First posted on CODOH: March 12, 2017, 11:51 a.m.
Last revision:
n/a
Comments:
n/a
Appears In:
Mirrors:
Download:
n/a