«La Shoah non è provata»...assolto il professore Roberto Valvo. Chiedere un risarcimento è antisemita?
Published: 2013-11-18

Chiedere un risarcimento milionario è "antisemita"?

criminale,del,pensiero

Dopo 5 anni di sfruttamento a fini olocau$to propagandisti si chiude il caso del professore "negazionista" Roberto Valvo. Non ha "odiato", nè istigato ad "odiare", chicchessia! Sembra una acquisizione positiva, ma se analizziamo bene i fatti il risultato è che il professore ha vissuto 5 anni di inferno, costretto ad un periodo di sospensione dal lavoro, pensiamo a spese legali vive, mentre la holocau$t-i$rael-lobby, la vera beneficiaria di questa storia ha avuto garantito un argomento di propaganda, "jolly" da giocare per 5 anni! Un motivo "valido" che permette, giustifica, agli agenti hasbarioto-olocau$tici di propagandare slogans che minacciano, istigano alla violenza, discriminano il diverso  come pensiero,  a buttare fuori i docenti "negazionisti" dalla scuola !  Sarebbe stata, parziale, giustizia se fosse stato quantificato un risarcimento di almeno 10 milioni di euro, per i danni subiti dal Prof.!

Dal "Corriere" del 13.11.13 apprendiamo che  il professore Roberto Valvo, insegnante di Storia dell’arte al liceo artistico di via di Ripetta, denunciato dal padre di una studentessa della IV C, dopo che la figlia gli aveva raccontato a casa quanto sarebbe stato affermato dal prof . Valvo, è stato assolto «perché il fatto non sussiste». Dice il Corriere..

...«Il professore dopo aver affermato che bisogna stare attenti agli ebrei perché sono furbi, intendendo disonesti, ha detto che secondo lui non erano veri i fatti dell’Olocausto e dei campi di concentramento e che i filmati sulle deportazioni erano falsi fatti anni dopo e non nel periodo storico originario. Ha messo in discussione il numero dei morti, dicendo che i sei milioni non erano sicuri, che la stima era errata. E che durante la guerra tutti erano magri, non solo chi era nei campi di concentramento»...

Il pm Lori aveva chiesto una condanna a cinque mesi di carcere in base alla legge Mancino: discriminazione o odio etnico, nazionale, razziale o religioso. «È stato affermato un importante principio sulla libertà di opinione», ha commentato  l’avvocato Giuseppe Pisauro, difensore dell’insegnante.

Click per ingrandire

 

 
Click per ingrandire

Sempre dal "Corriere", del 14 novembre 2013, apprendiamo le reazioni di chi vorrebbe istituire il "reato di negazionismo" in Italia

..."ROMA- «In Germania un insegnante che nega la Shoah non può più insegnare…». La sentenza con cui il giudice monocratico Maria Cristina Muccari ha mandato assolto l’insegnante del primo liceo artistico di Roma, Roberto Valvo, accusato di «negazionismo» e di reati riconducibili alla legge Mancino sull’istigazione all’odio razziale, ha provocato sconcerto. Il presidente della comunità ebraica romana, Riccardo Pacifici, preferisce attendere che l’attesa legge sul negazionismo concluda il suo iter. Renzo Gattegna, presidente dell’Ucei, attende di leggere le motivazioni della sentenza"...   (Fonte: http://roma.corriere.it/roma/notizie/cronaca/13_novembre_13/chi-nega-shoa-non-puo-insegnare-a22823f0-4c90-11e3-8c87-af891c266674.shtml

___________________

 


Additional information about this document
Property Value
Author(s): Olodogma
Title: «La Shoah non è provata»...assolto il professore Roberto Valvo. Chiedere un risarcimento è antisemita?
Sources:
n/a
Contributions:
n/a
Published: 2013-11-18
First posted on CODOH: Jan. 7, 2018, 1:34 p.m.
Last revision:
n/a
Comments:
n/a
Appears In:
Mirrors:
Download:
n/a