DaI "Corriere della sera" del gennaio 1938..."Il contadino romeno odia gli ebrei"
Published: 2014-03-13

.

Riportiamo un estratto di un articolo del Corriere della sera del 3 -02-1938 che tratta delle relazioni tra "ebrei" abitanti in Romania e gli autoctoni. Il testo viene pubblicato per evidenziare l'auto-differenziazione, "specializzazione", strutturazione, realizzazione di se, degli uomini sullo stesso territorio nello stesso tempo. Olodogma

____________________________

corriere,antisemitismo,romania,gennaio1938
Click per ingrandire
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Corriere della sera
Il nazionalismo romeno come antisemitismo
Dal nostro inviato speciale
Bucarest, gennaio (articolo del 3 gennaio 1938)

(...) "Non è ebreo il contadino in Romania. Il contadino zappa la terra, ara, miete, piega la schiena dalla mattina alla sera; la sua fatica è nelle mani di Dio, affidata al sole ardente o alle gonfie nuvole dei temporali, la neve la pioggia la grandine la siccità la dominano, gli elementi governano le patate il grano i foraggi. Mangerà o non mangerà il contadino? Non c'è interesse, non c'è moneta, non c'è commercio, non c'è speculazione, c'è solo lavoro e, se a Dio piace, vita.
Non è, in una parola, affare per gli ebrei romeni.

Il lavoro della terra non è un affare.

Il contadino romeno odia gli ebrei.

Questo odio è vivo anche nelle regioni dove di ebrei non esiste la minima traccia; domandate a quei contadini:  "Perchè odiate gli ebrei, se ebrei da voi non ce n'è?"
"Non ci sono ebrei- vi risponderanno- ma sono gli ebrei che fanno il prezzo del grano".
Il contadino produce.
L'ebreo commercia le sue produzioni.
Non è ebreo l'operaio in Romania.
L'operaio ha il salario, il salario non si baratta e non si commercia, si consuma.
L'operaio esegue, l'ebreo vuol dirigere.
Costruita una casa, l'operaio raccoglie gli attrezzi, se ne va.
Questa partenza a costruzione finita l'ebreo non la capisce: nel dannatissimo caso ch'esso costruisse un edificio, non se ne andrebbe, vorrebbe fittarlo, imbottirlo di boteghe, decorarlo magari d'un banco di prestiti e cambio.

Mi spiegava il direttore d'un quotidiano bucarestino:
"Un romeno che debba enumerarle i suoi beni le dirà che possiede un campo, un casa, una industria o che so io; un ebreo le dirà "tout-court" che possiede tante centinaia di migliaia di Lei, tanti milioni di Lei. Il problema è tutto qui. La moneta, la moneta banconota o spezzato, poco importa. Finchè noi avremo in piedi la politica liberale della moneta noi saremo asserviti agli ebrei.

Dobbiamo puntare la nostra politica sulla produzione nazionale, ecco tutto" (...)

Virgilio Lilli

 


Additional information about this document
Property Value
Author(s): Olodogma
Title: DaI "Corriere della sera" del gennaio 1938..."Il contadino romeno odia gli ebrei"
Sources:
n/a
Contributions:
n/a
Published: 2014-03-13
First posted on CODOH: April 1, 2018, 9:15 a.m.
Last revision:
n/a
Comments:
n/a
Appears In:
Mirrors:
Download:
n/a