Il revisionista tedesco Gerd Ittner processato, anche, per il genocidio degli indiani
Published: 2014-11-07

.

Riceviamo, in mailing list, e pubblichiamo.

1^ lettera

Che stile, il prigioniero Gerd Ittner!

3 Ottobre 2003 in Leipzig. Da sin. Axel Reitz , Hartmut Wostupatsch, Axel Reitz, Yvonne Mädel, Gerd Ittner, Christian Worch,

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lettera di un amico del prigioniero revisionista tedesco Gerd Ittner datata 28 settembre 2014 :

Mi permetto di scrivervi in seguito alla richiesta di un amico che abbiamo forse in comune : si tratta di Gerd Ittner. In una sua lettera inviatami il 27 agosto, Gerd mi faceva partecipe di un processo intentatogli. Questo si svolgeva la vigilia, il 26 agosto. Per sua richiesta, vi informo delle peripezie, affinché, se lo desideraste, possiate riportare questo evento nella vostra lettera di informazioni. Ecco innanzitutto i fatti che gli sono imputati. Si accusa Gerd, attualmente in prigione per un affare di revisionismo, di aver pronunciato un discorso contro la guerra in Iraq, il 22 marzo 2003. Una sola frase é stata incriminata : quella in cui faceva riferimento al genocidio degli indiani che, precisava, essere effettivamente avvenuto.

Nessun carattere revisionista impregnava esplicitamente il discorso. Fatto che non impedisce ai suoi avversari di farlo accusare di antisemitismo e di antiamericanismo (sic).

Vediamo ora la sua avventura : Gerd é trasferito dalla prigione di Bayreuth a quella di Gera, il 18 agosto. Il giorno dopo, é portato nella prigione di Suhl/Goldlauter, in attesa di farsi giudicare il 26 agosto a Erfurt in Thuringe. Il 26 agosto, Gerd é portato davanti alla Corte di Erfurt, mani e piedi legati. Viene messo in una cella di alta sicurezza, filmato, sempre incatenato. Per il suo processo, le autorità gli hanno rifiutato l'accesso al tribunale con i suoi vestiti, costringendolo a mettere giacca e pantaloni in jeans.

In jeans, lui, “l'antiamericano”!

Naturalmente, non fu fatto per fargli piacere, in effetti cosi non fu. Come lui sottolinea :

Non posso difendermi con abiti nei quali non mi sento me stesso e che rappresentano un modo di vivere al quale mi oppongo fermamente”.

 

 

Click...
Click...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Mentre pronuncia questa frase davanti al giudice, comincia a spogliarsi , della sua tenuta da “stupido cowboy del Texas”, come la chiama, ritrovandosi cosi in biancheria intima. Essendo assente il suo avvocato, il giudice si rifiuto' di giudicarlo e il processo non ebbe luogo. E' interessante notare come le autorità, in questo caso tedesche, si accaniscano contro un revisionista per questo unico “crimine”, nei più piccoli dettali. In questo caso, non avevano tenuto conto dello stile del coraggioso Gerd Ittner. Detto questo, quante umiliazioni di questo tipo, non rivelate e ripetute, fanno piegare i più fragili tra noi? Ne so qualcosa io, ringrazio d'altra parte il Signor Faurisson di avermi aiutato due anni fa, quando fui messo in difficoltà da (…). Con tutta la mia ammirazione e il mio rispetto per le vostre azioni e i vostri lavori. Cordialmente [firma e indirizzo omessi]

Il caso é strano : lo stesso giorno in cui riceviamo questa lettera, ieri 1/10 partiva per Gerd Ittner una lettera che la devota Jacqueline Berger aveva tradotto per noi in tedesco... Ecco l'indirizzo del prigioniero (si può scrivere in lingua inglese,ndOlo):

Signor Gerd Ittner 
JVA St. Georgen 
Markgrafenallee 49
D-95448 BAYREUTH 
(Germania)

 _________________________________________________________________

2^ lettera

Gerd_Ittner

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Uno dei nostri corrispondenti, che ringraziamo, ci invia notizie recenti su Gerd Ittner, prigioniero revisionista tedesco, incarcerato a Bayreuth (si veda nostro messaggio del 2/10/2014 intitolato “"Che stile, il prigioniero Gerd Ittner!”). Malgrado le notizie non siano incoraggianti, c'è un aspetto positivo : é possibile scrivere a Gerd Ittner in inglese! Cosi almeno potrà ricevere più corrispondenza. Di seguito un estratto della lettera del nostro corrispondente :

Ho ricevuto oggi una lettera di Gerd Ittner. Nella quale mi incarica di informarvi che ha effettivamente scontato la sua pena a Bayreuth e avrebbe dovuto essere liberato il 15 ottobre [era la data che avevamo indicato come quella della sua liberazione].
Ma, il 13 ottobre é stato emesso nei suoi confronti un nuovo mandato di arresto per “contestazione dell'Olocausto”, in seguito al quale é stato trasferito a Norimberga in attesa di un nuovo processo.
Si tratta del caso di cui vi informavo nella mia prima lettera, riguardo al suo discorso del 22 marzo 2003. Si ricordi che nel corso del primo processo, si era spogliato e aveva dato scandalo.
Il 3 novembre Gerd é stato trasferito nella prigione di Goldlauter, nello Stato di Thuringe, Gerd doveva essere giudicato il 7 novembre ma ha saputo la vigilia, 6 novembre, che la Corte aveva annullato il processo del giorno dopo e per il momento aveva archiviato il caso.
E' ora detenuto nella prigione di Norimberga, di cui ecco l'indirizzo :


Gerd Ittner,
Bärenschanzstr 68
D-90429 NUREMBERG
(Germania)

Ignoro la data della sua liberazione, e dubito che lui stesso la conosca. Visto che il caso é stato archiviato, non so come funzioni il diritto tedesco che trattiene un prigioniero senza nemmeno che sia stato giudicato...

Alle vostre penne cari corrispondenti!
Cercheremo di saperne di più sul modo in cui viene assicurata la difesa di questo prigioniero.

Traduzioni a cura di GV

 


Additional information about this document
Property Value
Author(s): Olodogma
Title: Il revisionista tedesco Gerd Ittner processato, anche, per il genocidio degli indiani
Sources:
n/a
Contributions:
n/a
Published: 2014-11-07
First posted on CODOH: Sept. 19, 2018, 7:14 p.m.
Last revision:
n/a
Comments:
n/a
Appears In:
Mirrors:
Download:
n/a