Ringraziamento a Daniela Rana...di Carlo Mattogno
Published: 2015-01-07

.

Ringraziamento a Daniela Rana

Click per ingrandire
Click per ingrandire
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Alla fine del 2011 Daniela Rana, all'epoca una studentessa che preparava la tesi di laurea, mi interpellò, spiegandomi chiaramente il tema che intendeva trattare, per avere una testimonianza diretta sulla mia attività revisionistica e chiarimenti su alcune tematiche specifiche. Convinto della sua serietà, risposi francamente alle sue domande.

Il suo “Dottorato di ricerca in Studi Politici - Storia e teoria” presso l' Università degli Studi di Torino Dipartimento di Studi Politici è apparso in rete col titolo “On n’a gazé que les poux”. Le radici culturali e teorico-politiche dei negazionismi tra Italia e Francia1.

Scorrendo ciò che Daniela Rana ha scritto su di me, ho avuto piena conferma che la mia fiducia sulla sua serietà era ben riposta: ella non solo è stata onesta e obiettiva, ma si è anche sforzata sinceramente di capire e di esporre correttamente il mio punto di vista, e, devo dire, c'è riuscita benissimo. Ciò mi stupisce molto, perché, dato l'attuale bombardamento mediatico, è veramente arduo, soprattutto per una studentessa, sottrarsi al condizionamento vidal-naquetiano e pisantyano, che procura, per giunta, il facile plauso.

Una tale correttezza, nello squallido panorama anti-“negazionistico” italiano, è tanto eccezionale da giustificare un ringraziamento da parte mia.

Daniela Rana scrive che Carlo Mattogno è «il maggiore negazionista italiano e uno dei più famosi a livello internazionale» (p. 12) e parla di «studi numerosi e rigorosi di Carlo Mattogno» (p. 43).

Più avanti mi descrive come «di gran lunga il più importante negazionista italiano e uno dei maggiori a livello mondiale» (p. 133) e dichiara che

«in Italia, al netto delle traduzioni di autori stranieri, il principale contributo al negazionismo nostrano originale fu dato da Carlo Mattogno, il quale, tuttavia, non si può annoverare tra i negazionisti spiritualisti o rosso-bruni né fra i militanti della destra radicale» (p. 158).

E ancora:

«In effetti, si può sostenere che i veri padri di questo tipo di negazionismo (che, non a caso, sono riconosciuti a livello internazionale come i “grandi del negazionismo” tout court) siano Robert Faurisson, in Francia, e Carlo Mattogno, in Italia» (p. 172).

Indi fornisce un altro importante chiarimento:

«È vero che ad essi fa riferimento l’IHR, ma senza dubbio i lavori di Faurisson e Mattogno rappresentano di gran lunga le opere più significative dell’area. Le loro collaborazioni con gruppi e case editrici di ispirazione neonazista soprattutto, o di sinistra estrema, sono riconducibili ad un mero utilizzo strumentale di contatti e case disposte a pubblicare tale materiale, sicuramente molto più presenti in queste aree, senza implicare un’adesione degli stessi ai principi ispiratori di tali gruppi e case editrici. A tale proposito, Mattogno chiarì che l’etichetta di “fascista dichiarato” affibbiatagli da Vidal-Naquet (e poi ripresa da Germinario) era del tutto infondata, affermando ironicamente che essa era “desunta, con stringente logica, dal fatto che i miei primi studi furono pubblicati dalla fascista Sentinella d’Italia, dato che gli altri editori, anche di sinistra, che avevo interpellato, non vollero pubblicarli”» (pp. 172-173).

Daniela Rana sfata inoltre la favola di una ferrea metodica che sarebbe seguita da tutti i revisionisti, rilevando:

«Spesso, inoltre, si tende a considerare i diversi negazionismi alla stregua di “scuole”, dando per scontata un’omogeneità interna in realtà quasi inesistente. A volte, infatti, esponenti anche rilevanti dello stesso filone non collaborano o arrivano alla rottura accusandosi reciprocamente di plagio o di incompetenza. In sintesi, molte di queste categorie coagulano realtà così vaste ed eterogenee da poter essere etichettate sotto lo stesso nome solo per comodità ed esigenze di comprensione».

In nota esemplifica:

«Cfr. Robert Faurisson, Bilan de l’affaire Garaudy-abbé Pierre cit., in cui Faurisson accusò Garaudy di aver copiato intere parti del suo lavoro senza citarlo o Carlo Mattogno, Ancora su Fred Leuchter e il “denigratore” Mattogno. Aggiornamento della controversia Faurisson-Mattogno sul rapporto Leuchter, reperibile in www.studirevisionisti.myblog.it (blog di Carlo Mattogno)2, 8 gennaio 2011, in cui Mattogno rispose alle accuse di Faurisson circa una presunta denigrazione di quest’ultimo ai danni di Fred Leuchter e del suo rapporto, dopo che Mattogno ne aveva pubblicata una parziale stroncatura» (p. 97).

Successivamente riprende la questione asserendo:

«Sarebbe, tuttavia, erroneo pensare che esista un accordo granitico ed un fronte comune perpetuo tra i vari negazionisti fattualisti rispetto alla ricezione e alla valutazione di determinati documenti e testimonianze, nonché riguardo al modo di discutere internamente le diverse opinioni. Ad esempio, emblematica è la querelle che ha visto Robert Faurisson contrapporsi a Carlo Mattogno (con ogni probabilità, lo studioso più rigoroso fra i negazionisti), “reo” di aver criticato alcune parti del “Rapporto Leuchter”» (p. 191).

Quale contrasto con i puerili luoghi comuni di Valentina Pisanty circa gli «otto assiomi del negazionismo che tutti i negatori della Shoah sono tenuti a rispettare»3!

Daniela Rana si è inoltre soffermata con perspicacia su temi fondamentali che altri autori hanno sempre liquidato con spocchiosa sufficienza:

«L’elemento della buona fede di chi, con tali argomentazioni, difendeva i negazionisti, richiama direttamente quello della buona fede dei negazionisti stessi. In questo lavoro, la presunzione di buona fede dei negazionisti fattualisti, ossia la convinzione che le loro ricerche siano animate solo dalla volontà di perseguire la verità storica e non siano legate a rigurgiti neonazisti e/o antisemiti, è accettata e data per scontata (a differenza che per i negazionisti di matrice ideologica). Il dibattito sui negazionisti e sulla loro presunta buona fede è fervido e vede molti studiosi autorevoli schierarsi su posizioni che rifiutano la professione di buona fede (per esempio, solo per citarne alcuni, Anna Foa, Francesco Germinario, Georges Wellers, che la rifiuta in parte, ecc.). Altri emeriti studiosi, come Pierre-André Taguieff e Valentina Pisanty, invece, si dicono convinti della buona fede solo fino ad un certo punto della discussione (tipicamente, fino alla pubblicazione del doppio lavoro di Jean-Claude Pressac, farmacista, inizialmente negazionista poi convertitosi durante una ricerca su documenti tecnici relativi ai crematori di Auschwitz-Birkenau, la cui ricerca fu ritenuta talmente completa ed esaustiva dal punto di vista tecnico da poter rappresentare il muro contro cui si sarebbe infranta ogni obiezione negazionista). Dopo tale soglia, secondo questi studiosi, entra in gioco la teoria del complotto: sostanzialmente, se con Pressac non ci si convince, è perché, più o meno consciamente, si crede che gli ebrei siano gli artefici del complotto che ha creato il “mito di Auschwitz”, o per fini concreti (tra cui, tipicamente, l’estorsione di ingenti riparazioni di guerra alla Germania) o perché si dà per scontato che essi siano, per loro stessa natura, menzogneri. Questa convinzione viene riassunta da Mattogno, il quale, parlando delle presunte ragioni dei negazionisti, afferma che, secondo gli storici, “un revisionista deve avere per forza retropensieri, secondi fini, pulsioni malsane, antisemite, naziste, ecc. ecc.”» (pp. 187-188).

Qui è necessaria una precisazione. Se realmente i sostenitori della buona fede condizionata dei revisionisti pongono come discrimine o muro infrangibile i due studi di Jean-Claude Pressac, la cosa si può ritorcere facilmente contro di loro. Poiché a mia volta ritengo di aver redatto una critica delle due opere di Pressac completa ed esaustiva sotto il profilo storico-tecnico (Le camere a gas di Auschwitz. Effepi, Genova, 2009), a tal punto da poter rappresentare il muro contro cui si infrange ogni obiezione degli storici olocaustici, se costoro non sfondano questo muro con un altro studio che dimostri che la mia critica è storicamente e tecnicamente infondata, si dovrà dubitare seriamente della loro buona fede, ancor più se fingono che tale critica non esista. A beneficio dei volenterosi, riporto in appendice la struttura dell'opera, in modo che abbiano un'idea dell'impresa che li attende.

Quanto a Pressac, se gli storici olocaustici considerano le sue opere di valore così eccezionale, c'è da chiedersi per quale ragione la sua morte, avvenuta il 23 luglio 2003, passò vergognosamente inosservata nei mezzi di informazione ed io fui l'unico a scrivere un ricordo della sua figura (in tutto il mondo occidentale si associarono a me solo due “negazionisti”, J. Graf e a R. Countess). Il mio “Ricordo di Jean-Claude Pressac” fu ripubblicato nel quaderno “I Gasprüfer di Auschwitz” (Effepi, Genova, marzo 2004) dopo essere apparso in tedesco nel numero di settembre-dicembre 2003 dei Vierteljahreshefte für freie Geschichtsforschung.

Questi storici saranno senza dubbio sorpresi dall'apprezzamento che Pressac, fin da allora, nutriva per i miei studi, testimoniati anche dalle dediche che appose alle due sue opere maggiori che mi donò personalmente. Ormai sono passati molti anni ed è forse tempo di rendere note queste dediche.

Pressac 1
Immagine 1. Clik per ingrandire
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

La prima si riferisce ad Auschwitz: Technique and operation of the gas chambers, che mi donò quando fui ospite a casa sua, a La Ville du Bois, nel marzo 1990 (Immagine 1).

La seconda riguarda Les crématoires d'Auschwitz (1993), che mi inviò per posta. In precedenza io gli avevo mandato il mio studio “Auschwitz: La prima gasazione” (Edizioni di Ar, 1992).

Il testo dice:

«Grazie per la “Prima gasazione”-

Clik per ingrandire
Clik per ingrandire
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Ho adottato la vostra conclusione, tranne che per la parte negativa. Attendo con impazienza il seguito delle vostre opere e vi auguro buon lavoro per l'avvenire» (Immagine 2).

Grazie al mio studio, infatti, Pressac aveva spostato la datazione della “prima gasazione” ad Auschwitz dal canonico 3-5 settembre 1941 (da lui accettata in Auschwitz: Technique and operation of the gas chambers, p. 132) a «tra il 5 e la fine di dicembre» (Les crématoires d'Auschwitz, p. 34); successivamente a Valérie Igounet dichiarò che «se questa prima gasazione ha avuto luogo (si ce premier gazage a eu lieu), si colloca nel dicembre 1941, ovvero nel gennaio 1942 e non ha alcun legame col massacro degli Ebrei»4. In “Auschwitz: La prima gasazione” (pp. 154-159) avevo dimostrato che la datazione asserita da Danuta Czech nel suo Kalendarium di Auschwitz era infondata perfino nel caso in cui l'evento fosse stato reale, perché, in tal caso, non avrebbe potuto verificarsi se non dopo la conclusione dell'attività della commissione Mildner, cioè, appunto, non prima del dicembre 1941.

Tornando a Daniela Rana, ella ha illustrato in modo ineccepibile la mia posizione su uno dei punti fondamentali dell'interpretazione revisionistica. Il passo è molto lungo e merita di essere riportato integralmente, anche per mostrare che, chi giudica obiettivamente, non teme di dare ampio spazio al “negazionista”:

«La nascita del mito di Auschwitz dal punto di vista del negazionismo fattualista è ben spiegata da Carlo Mattogno, il quale immediatamente esclude qualsiasi ipotesi di complotto o di costruzione eterodiretta o, in qualche modo, manovrata da un centro intelligente: “Da parte mia, non credo affatto né in un “complotto”, né in una falsificazione intenzionale da parte della storiografia olocaustica. Credere che un solo storico olocaustico sia consapevole dell’irrealtà dell’Olocausto e nonostante ciò, per qualunque fine, ne affermi falsamente la realtà, mi sembra a dir poco puerile”.

Mattogno ribalta qui la presunzione di buona fede, concedendola agli “storici di professione”. In questo modo, si escludono il complotto e anche la volontaria falsificazione di prove, documenti, ecc. da parte degli storici, in favore della costruzione del mito. Tuttavia, Mattogno non ribalta solo la presunzione di buona fede, ma anche l’accusa di errore metodologico: “Se in tale contesto ha senso parlare di “menzogna”, ciò riguarda soltanto i mezzi, cioè la metodologia, per mezzo della quale questi storici torturano i documenti e le testimonianze per dimostrare “scientificamente” una tesi preconcetta”. Insomma, convinto della buona fede degli storici e del fatto che i loro errori derivino da falle metodologiche, Mattogno crea una lettura storiografica speculare a quella della storiografia accademica, raggiungendo una convinzione ultima diametralmente opposta (il non avvenuto sterminio ebraico), ma facendo costantemente riferimento a tutte le tappe fondamentali della storiografia, sia pure lette alla luce di una prospettiva opposta.

La “tesi preconcetta” sopraccitata non deriva però da una volontaria mistificazione, ma nasce e si costruisce in un gioco di rimandi e di specchi: una volta gettate le basi di tale impalcatura, gli storici -e l’errore metodologico, secondo Mattogno, risiede esattamente qui- hanno forzato e letto le fonti alla luce di una tesi già accettata: quella dell’avvenuto sterminio ebraico. Gli storici, insomma, muovono dall’aprioristica convinzione dell’avvenuto olocausto e, di conseguenza, anche senza rendersene conto, leggono e interpretano le fonti in quella direzione.

Il nodo cruciale della questione risiede proprio nella comprensione e nella ricostruzione dei modi in cui tale convinzione, poi trasformata in “verità storica”, si sia formata. Sempre secondo Mattogno, che, fra tutti i negazionisti, è quello che si è occupato meglio e più a fondo di questo aspetto centrale, il mito delle camere a gas e dello sterminio sostanzialmente nacque come “propaganda nera di cui fu preso atto d’ufficio da parte delle Corti Marziali dei vincitori come “fatto generalmente noto”. Questo “fatto generalmente noto” fu poi travasato nella nascente storiografia olocaustica, che affonda le sue radici nell’attività processuale di tali Corti marziali”. Per “propaganda nera”, Mattogno intende la propaganda di guerra, che consisteva nella diffusione di notizie (quasi completamente inventate) riguardanti le atrocità commesse dai nemici, insomma un’intenzionale Greuelpropaganda, propaganda dell’orrore. [...].

Nella fattispecie, Mattogno si riferisce alla propaganda che nacque “in Polonia nel corso della seconda guerra mondiale da vari centri clandestini specializzati in storie di atrocità e [che] fu diffusa dalla Delegatura, la rappresentanza del governo polacco in esilio a Londra. Finita la guerra, questa propaganda fu imposta con la forza delle armi dai Tribunali militari alleati”. La propaganda, elaborata soprattutto dai centri di resistenza ebraici e polacchi, tuttavia, come tutte le leggende, conserva, secondo Mattogno, un fondo di verità, quale ad esempio il fatto innegabile dei massacri operati dalle Einsatzgruppen sul fronte orientale. Nonostante il riconoscimento di tali massacri, Mattogno non si spinge a considerarli alla stregua di prove generali dello sterminio, come la storiografia generalmente li legge -insieme all’Aktion T4-, ma li considera atrocità di guerra paragonabili a molte altre.

All’interno dei campi le voci si diffusero e si rafforzarono a vicenda e, per capire come esse hanno avuto origine dentro i campi, bisogna fare riferimento al ruolo fondamentale giocato dai cosiddetti “Protocolli di Auschwitz”. Essi rivestirono un ruolo cruciale nelle genesi delle storia sulle camere a gas. I Protocolli consistono di diversi rapporti redatti da alcuni detenuti ebrei slovacchi a Birkenau, che tra l’aprile e il maggio del 1944 riuscirono ad evadere (dapprima Rudolf Vrba e Alfred Wetzler, poi Czeslaw Mordowicz e Arnost Rosin, che completarono il rapporto steso dai primi due). Nel novembre dello stesso anno, il War Refugee Board -creato da Roosevelt nel 1944- pubblicò questi rapporti, aggiungendo la testimonianza di un maggiore polacco -Jerzy Wesolowski, alias Tabeau-, evaso da Auschwitz poco prima. Lo scopo delle evasioni era la diffusione di ciò che accadeva ad Auschwitz (dal 1943, era attivo un movimento di resistenza clandestino interno al campo che lavorava a quello scopo): i deportati evasi affermarono di aver redatto i rapporti -con le relative mappe dei forni crematori- grazie a notizie di prima mano che pervenivano loro direttamente da membri dei Sonderkommando, con cui erano in contatto. Mattogno afferma, invece, che la pianta e la descrizione dei crematori II e III del rapporto “sono pura fantasia”, concludendo che: “la storia dello sterminio ebraico in camere a gas omicide riferito da Vrba e Wetzler nel loro rapporto non proveniva dal Sonderkommando, ma fu elaborata in ambienti estranei al Sonderkommando all'insaputa di questo. In altri termini, tale storia fu creata dal movimento di resistenza del campo, senza neppure interpellare il Sonderkommando, come mera Greuelpropaganda”.

La propaganda assurse allo statuto di verità (prima giudiziaria e solo dopo storica) grazie soprattutto al processo di Norimberga, durante il quale vari segmenti propagandistici si contesero il primato: lo sterminio tramite vapore, folgorazione, gas, ecc. Fu solo nel 1947, dichiara Mattogno, che gli inquirenti polacchi scelsero il metodo del gas di scarico di un motore, iniziando ad avallare la verità così come ci è giunta: lo sterminio tramite gas. Più tardi, “questa propaganda menzognera, previamente filtrata e rinvigorita dalle varie «commissioni di inchiesta» sovietiche, polacco-sovietiche e polacche e dagli «accertamenti» di giudici istruttori, entrò nelle aule dei Tribunali Militari, uscendone con la nuova veste di «verità giudiziaria»”.

I tribunali militari, d’altro canto, sono considerati lo strumento che permise agli alleati di continuare la guerra con altri mezzi: Mattogno, ad esempio, riporta una dichiarazione di Robert H. Jackson, il procuratore capo statunitense, alla seduta del 26 luglio 1946 del processo di Norimberga, in cui affermava che gli alleati erano tecnicamente ancora in guerra contro la Germania, poiché non era stato firmato -né c’era ancora accordo su- alcun trattato di pace e che quindi, in quanto tribunale militare, la corte di Norimberga poteva ritenersi una continuazione degli sforzi bellici degli alleati.

Insomma, si pone l’accento sulla funzione ideologica e politica giocata dal processo di Norimberga.

All’inizio degli anni Cinquanta, quindi, la storiografia sulla Shoah (grazie a storici del calibro di Leon Poliakov, ad esempio), secondo i negazionisti, fece uscire la verità giudiziaria dalle aule di tribunale travasandola nei libri di storia, ma dando già per scontato ciò che i tribunali, a loro volta, avevano già dato per scontato: l’avvenuto sterminio (“i processi precedenti alimentarono quelli successivi in una perversa spirale che ad ogni nuova sentenza consolidava la “verità giudiziaria” che era già presupposta fin dall'inizio”).

Dopo che avvenne il travaso del “mito di Auschwitz” da verità giudiziaria (sanzionata prevalentemente da Norimberga) a verità storica (grazie ad una ricezione acritica della verità giudiziaria da parte degli storici), “decenni di martellamento storico-mediatico”, una sorta di riedizione dei metodi di manipolazione delle masse, completarono l’opera.

Stridono, in questo quadro, le testimonianze di ex deportati e le confessioni delle SS. Per quanto riguarda queste ultime, secondo Mattogno, dato il clima, esse hanno assunto “le strategie difensive meno pericolose per loro”, ammettendo lo sterminio, poiché la contestazione di questo “fatto generalmente noto” sarebbe equivalsa ad un “suicidio processuale”. La confessione era, cioè, più conveniente della negazione che, invece, sarebbe stata indicata come il sintomo di un’aderenza impenitente al nazismo. Come trattare, invece, le testimonianze e le memorie di ex deportati? In questi casi, “la stragrande maggioranza dei testimoni è in buona fede, ma non ha visto nulla”, secondo quello speciale statuto ossimorico del testimone integrale del campo di sterminio, l’unico ad aver raggiunto la camera a gas e che, proprio per questo motivo, non può più testimoniare. Ciò vale, secondo l’autore, anche per Primo Levi, il quale, recluso a Monowitz, “conobbe la presunta verità su Birkenau solo per sentito dire”. Paradossalmente, Mattogno si appropria qui delle parole di Valentina Pisanty attraverso cui la semiologa spiega che parte delle inesattezze riscontrate in alcune testimonianze o delle discrepanze presenti tra diverse testimonianze riguardanti lo stesso evento fu dovuta alla “confusione che i testimoni fanno tra ciò che hanno visto con i propri occhi e ciò di cui hanno sentito parlare durante il periodo dell’internamento”.

Tuttavia, mentre la studiosa si riferiva al comune processo di costruzione di una memoria collettiva condivisa (affermando che, col tempo, l’immediatezza del ricordo personale si integra con i ricordi altrui, la lettura di altre opere sull’argomento, ecc. per giungere ad una “visione più coerente e completa del processo di sterminio”), Mattogno utilizza tali dichiarazioni per suffragare la propria ipotesi circa la natura leggendaria delle camere a gas. I testimoni che, invece, mentono consapevolmente sono pochissimi, nell’ordine di qualche decina ad Auschwitz; essi mentono non per obbedienza ad un disegno prestabilito, ma per comprensibili ragioni di vendetta e risentimento nei confronti delle SS, facendo propria la propaganda nera che, all’interno dei campi, era creata e/o diffusa dai movimenti di resistenza. Inoltre, la possibilità, per gli ex deportati, di dichiarare testimonianze a volte al limite dell’assurdo, secondo Mattogno, fu dovuta alla sostanziale impunità che Norimberga garantì nei confronti del reato di falsa testimonianza commesso da ex deportati.

Un’ultima considerazione meritano le testimonianze di ex membri dei Sonderkommando, reparti speciali costituiti da ebrei destinati a sgomberare le camere a gas dopo le gasazioni, raccogliere i corpi (in alcuni casi, perquisirli nuovamente alla ricerca di oggetti di valore), aerare le camere, condurre i cadaveri ai forni crematori, bruciarli e smaltirne le ceneri. Mentre Mattogno, come si chiariva in precedenza, è convinto che essi non abbiano a che fare con le testimonianze contenute dei “Protocolli di Auschwitz”, redatte, a suo avviso, all’insaputa dei membri dei Sonderkommando, le testimonianze dirette degli stessi sono da lui ritenute tra i pochi falsi consapevoli. In particolare, egli si è occupato di decostruire le testimonianze di Shlomo Venezia (ultimo membro italiano di Sonderkommando sopravvissuto) e i disegni di David Olère, (ex Sonderkommando e pittore, il quale, scampato ad Auschwitz, disegnò e pubblicò ciò che aveva vissuto), ritenendoli sostanzialmente dei falsi, smascherabili grazie ad incoerenze interne e scarti rispetto alla realtà delle camere a gas e dei forni da loro descritta.

In conclusione, Mattogno così riassume la genealogia del “mito di Auschwitz e delle camere gas”:

“Tutte le parti in causa si trovarono a sostenere, per ragioni diverse, il dogma delle “camere a gas”, non già in virtù di un complotto, ma perché questa era ormai la “verità” giudiziaria e mediatica. Per quanto riguarda i testimoni, non c'è affatto bisogno di presupporre che fossero tutti dei mentitori intenzionali; la cerchia di questi è numericamente insignificante. La stragrande maggioranza dei testimoni ha semplicemente ripetuto e abbellito ciò che aveva ascoltato da altre fonti, in un processo che David Irving ha chiamato “cross-pollination”» (pp. 191-198).

Questa esposizione è un modello di obiettività cui tutti dovrebbero ispirarsi.

Chiudo con una notazione generale diretta a tutti i critici del revisionismo.

Se il termine “negazionismo” vuole definire l'atteggiamento di chi “nega” ciò che è ritenuto un dato storico documentato e dimostrato, ossia di chi si limita a rifiutare questo dato senza apportare il minimo contributo positivo nella discussione relativa a questo dato storico, l'appellativo di “negazionista” non mi compete minimamente, perché – anche lasciando da parte il fatto che non ho mai “negato” alcunché, ma ho sempre documentato e dimostrato che una certa interpretazione di un certo documento o presunto evento è errata, presentandone positivamente l'interpretazione corretta – ho redatto studi eminentemente positivi, in particolare:

– La “Zentralbauleitung der Waffen-SS und Polizei Auschwitz” (Edizioni di Ar,1998), 221 pp. 53 documenti, che, come ho ricordato più volte, è l'unico testo di un Italiano che appaia nella bibliografia storica in varie lingue (oltre 180 titoli) della prestigiosa opera Standort- und Kommandanturbefehle des Konzentrationslager Auschwitz 1940-1945. A cura di Norbert Frei, Thomas Grotum, Jan Parcer, Sybille Steinbacher e Bernd C. Wagner. Institut für Zeitgeschichte. K.G. Saur, Monaco, 2000 (p. 570). L'unico italiano ritenuto degno di menzione dal comitato redazionale tedesco per il suo contributo storiografico positivo sarebbe dunque un “negazionista”?

– Auschwitz: assistenza sanitaria, “selezione” e “Sonderbehandlung” dei detenuti immatricolati. Effepi, Genova, 2010, 233 pagine, 60 documenti. La Parte Prima espone un quadro positivo, in base a documenti spesso ignoti alla storiografia olocaustica, su condizioni di vita dei detenuti, ospedale per i detenuti, Häftlingslazarett del BA III di Birkenau, sorte dei detenuti immatricolati inabili al lavoro; il capitolo 7 della Parte Seconda fornisce una interpretazione alternativa dei documenti sulla “Sonderbehandlung” dei detenuti immatricolati.

– I forni crematori di Auschwitz. Studio storico-tecnico con la collaborazione del dott. ing. Franco Deana. Effepi, Genova, 2012, 2 volumi, 523 pagine di testo, 688 pagine di documentazione, costituita da 300 documenti e 370 fotografie.

Si può immaginare un'opera più positiva di questa?

– I verbali degli interrogatori sovietici degli ingegneri della Topf, Effepi, Genova, 2014, 203 pagine, 11 documenti.

La prima presentazione al mondo del testo completo di tutti gli interrogatori da parte dei Sovietici degli ingegneri della ditta Topf Kurt Prüfer, Karl Schultze, Fritz Sander e Gustav Braun (1946-1948), tradotti dal russo da Jürgen Graf (il testo tedesco non esiste) con analisi storico-tecnica e annotazioni al testo mie. Questi documenti sono in possesso del Museo dell'Olocausto di Washington dal 2000 e del Gedenkstätte Buchenwald dal 2003: chi li ha pubblicati può sensatamente essere definito “negazionista”?

È tempo per gli antirevisionisti di lasciare da parte le interpretazioni semiotiche pisantyane e di cominciare a seguire seriamente l'esempio di Daniela Rana.

Carlo Mattogno

Appendice

Le camere a gas di Auschwitz

Studio storico-tecnico sugli «indizi criminali» di Jean-Claude Pressac e sulla «convergenza di prove» di Robert Jan van Pelt

Indice

Prefazione

Parte Prima

Gli «indizi criminali» sulle camere a gas omicide. Discussione storico-critica delle tesi di Jean-Claude Pressac e di Robert Jan van Pelt

Prefazione (p. 13)

Introduzione (p. 17)

Capitolo 1 - Gli «indizi criminali» (p. 20)

1.1. Gli antecedenti storici

1.2. L'archivio della Zentralbauleitung di Auschwitz

1.3. Premessa metodologica

1.4. I 39 «indizi criminali»

1.4.1. Indizi per il crematorio II

1.4.2. Indizi per il crematorio III

1.4.3. Indizi per i crematori IV e V

1.4.4. Indizi supplementari (crematori II e III)

1.4.5. Altri indizi

1.5. Considerazioni preliminari

1.6. Determinazione cronologica degli indizi e suo significato

1.6.1. Indizi relativi al crematorio II

1.6.2. Indizi relativi al crematorio III

1.6.3. Indizi relativi ai crematori IV e V

1.7. Contraddizioni di fondo

1.8. Il sistema di ventilazione dei Leichenkeller 1 e 2 dei crematori II e III

1.9. I montacarichi dei crematori II e III

1.9.1. Storia dei montacarichi dei crematori II e III

1.9.2. I montacarichi al processo Irving-Lipstadt

Capitolo 2 - Gli «indizi criminali» per il crematorio II (p. 46)

2.1. - «Vergasungskeller»

2.1.1. Il valore dell'indizio

2.1.2. Il contesto storico

2.1.3. Il significato del documento

2.1.4. La funzione del «Vergasungskeller»

2.1.5. Obiezioni e risposte

2.1.6. I commenti e le obiezioni di van Pelt

2.1.7. «Gaskeller»

2.2. - «Gasdichtetür», «Gastür»

2.3. - «Auskleideraum», «Auskleidekeller» e baracca davanti al crematorio II

2.3.1. «Auskleideraum» e «Auskleidekeller»

2.3.2. Origine e funzione dell’ «Auskleideraum» del crematorio II di Birkenau

2.3.3. La baracca davanti al crematorio II

2.3.4. Van Pelt e l' «Auskleidekeller»

2.4. «Sonderkeller»

2.5. - «Drahtnetzeinschiebevorrichtung» e «Holzblenden»

2.5.1. La scoperta degli indizi

2.5.2. Significato dei termini e localizzazione dei congegni

2.5.3. La testimonianza di MichaƂ Kula

2.5.4. Che cosa non erano i «Drahtnetzeinschiebevorrichtungen»

2.5.5. I commenti di van Pelt

2.6. «Gasprüfer» e «Anzeigegeräte für Blausäure-Reste»

2.6.1. L’interpretazione di Pressac

2.6.2. La destinazione d’uso dei «Gasprüfer»

2.6.3. Il contesto storico

2.6.4. Il contesto burocratico

2.6.5. I problemi lasciati insoluti da Pressac

2.6.6. Che cos’erano i «Gasprüfer»?

2.6.7. Prüfer e i «Gasprüfer»

2.7. «Warmluftzuführungsanlage»

2.7.1. Posizione del problema

2.7.2. La spiegazione di Pressac

2.7.3. La spiegazione di van Pelt

2.8«Holzgebläse»

2.9. Eliminazione dello scivolo per i cadaveri

2.9.1. La pianta 2003 del 19 dicembre 1942 e il suo significato

2.9.2. Il mascheramento dello scivolo

Capitolo 3 - Gli «indizi criminali» secondari relativi al crematorio II (p. 125)

3.1. Origine e definizione degli «indizi criminali» secondari

3.2. Considerazioni generali

3.3. Il sistema di drenaggio del crematorio II

3.4. L'apertura di un ingresso nel Leichenkeller 2

3.5. La direzione di apertura della porta del Leichenkeller 1

3.6. Sostituzione di una porta a due ante con una ad una sola anta (a tenuta di gas) nel Leichenkeller 1

3.7. Eliminazione dei rubinetti nel Leichenkeller 1

3.8. Eliminazione del Leichenkeller 3

Capitolo 4 - Gli «indizi criminali» per il crematorio III: «Gasdichtetür» e «Brausen» (p. 135)

4.1. L'interpretazione di Pressac

4.2. Il contesto storico

4.3. Le basi di legno delle presunte «docce finte»

4.4. La «Gasdichtetür»

Capitolo 5 - Gli «indizi criminali» per i crematori IV e V (p. 145)

5.1. Esposizione degli indizi

5.2. Progettazione dei crematori IV e V: il progetto iniziale

5.3. Progettazione dei crematori IV e V: il primo progetto operativo

5.4. Progettazione dei crematori IV e V: il secondo progetto operativo

5.5. Progettazione dei crematori IV e V: il terzo progetto operativo

5.6. Tecnica di gasazione

5.7. Sistema di introduzione dello Zyklon B

5.8. Van Pelt e le «12 St. gasdichten Türen»

5.9. La ventilazione naturale

5.10. La ventilazione meccanica

5.11. Analisi della pianta 2006 dell'11 gennaio 1943

Capitolo 6 - Gli «indizi criminali» di carattere generale (p. 165)

6.1. «Normalgaskammer»

6.2. Perché le SS non usarono a scopo omicida camere a gas con sistema Degesch-Kreislauf?

6.3. «Verbrennung» «Sonderbehandlung»

6.3.1. Il documento

6.3.2. Il «contesto storico» secondo van Pelt

6.3.3. Gli errori di van Pelt

6.3.4. Il vero contesto storico

6.3.5. Il significato del documento

Capitolo 7 - I presunti «indizi criminali» per i Bunker di Birkenau (p. 184)

7.1. Precisazione sul titolo

7.2. - «Sonderbehandlung»

7.2.1. La tesi di Pressac

7.2.2. I rapporti esplicativi di Bischoff

7.2.3. Le quattro baracche «für Sonderbehandlung» e i Bunker di Birkenau

7.2.4. «Sonderbehandlung» e «Entwesungsanlage»

7.3. Le «Badeanstalten für Sonderaktionen»

7.3.1. Le spiegazioni di Pressac

7.3.2. Un progetto non realizzato

7.3.3. «Badeanstalten» e forni crematori

7.3.4. La spiegazione di van Pelt

7.4. «Sperrgebiet»

7.5. «Material für Sonderbehandlung»

7.6. I «Materialien für Judenumsiedlung» e il «rapporto» Franke-Griksch

7.6.1. I «Materialien für Judenumsiedlung»

7.6.2. Il «rapporto» Franke-Griksch e i commenti di Pressac

7.6.3. Analisi critica dei commenti di Pressac

Parte Seconda.

I forni crematori di Auschwitz-Birkenau. Struttura, funzionamento, prestazioni tecniche e implicazioni storiografiche

Capitolo 8 - La prima opera scientifica sulla cremazione ad auschwitz (p. 210)

8.1. Introduzione

8.2. Struttura dell'opera

8.3. La cremazione moderna

8.3.1. La tecnologia dei forni crematori fino alla prima guerra mondiale

8.3.2. Gli sviluppi tecnici dei forni crematori tedeschi negli anni Trenta

8.3.3. Legislazione e statistiche sulla cremazione in Germania

8.3.4. La ditta J. A. Topf & Söhne di Erfurt

8.3.5. Stuttura e funzionamento del forno crematorio a gasogeno riscaldato con coke degli anni Trenta

8.3.6. Tiraggio del camino e regime di griglia

8.3.7. Il consumo di coke di un forno crematorio a gasogeno

8.3.8. La durata del processo di cremazione nei forni a gasogeno riscaldati con coke

8.4. I forni crematori Topf di Auschwitz-Birkenau

8.4.1. I forni crematori Topf per i campi di concentramento

8.4.2. Il forno crematorio a 2 muffole riscaldato con coke

8.4.3. Il forno crematorio a 3 muffole riscaldato con coke

8.4.4. Il forno crematorio a 8 muffole riscaldato con coke

8.4.5. Funzionamento e conduzione dei forni crematori Topf di Auschwitz-Birkenau

8.4.6. I forni crematori delle ditte H. Kori di Berlino e Ignis-Hüttenbau di Teplitz

8.5. Il consumo di coke dei forni Topf di Auschwitz-Birkenau

8.5.1. Bilancio termico del forno Topf a 2 muffole del crematorio di Gusen

8.5.2. Bilancio termico del forno Topf a 2 muffole modello Auschwitz

8.5.3. Bilancio termico del forno Topf a 3 muffole e a 8 muffole

8.5.4. Osservazioni sul consumo dei forni a 3 e a 8 muffole

8.6. La durata del processo di cremazione nei forni Topf di Auschwitz-Birkenau

8.6.1. I documenti

8.6.2. Gli esperimenti di cremazione dell’ing. R. Kessler

8.6.3. Le liste delle cremazioni del crematorio di Westerbork

8.6.4. La lista delle cremazioni del crematorio di Gusen

8.6.5. La lista delle cremazioni dei forni crematori Ignis-Hüttenbau A.G. riscaldati con nafta del crematorio di Terezín

8.6.6. Conclusioni

8.7. La capacità di cremazione dei forni crematori di Auschwitz-Birkenau

8.7.1. Il funzionamento continuativo dei forni

8.7.2. La cremazione contemporanea di più cadaveri in una muffola

8.7.3. Le perizie tecniche sovietiche sui forni crematori Kori di Lublino-Majdanek, Sachsenhausen e Stutthof

8.7.4. La capacità di cremazione dei forni crematori di Auschwitz-Birkenau

8.7.5. L’ampliamento degli impianti di cremazione di Birkenau

8.8. Le implicazioni storiografiche

8.8.1. L'attività dei forni dei crematori di Birkenau

8.8.2. La durata della muratura refrattaria dei forni crematori

8.8.3. Il numero delle cremazioni nel 1943: la previsione delle SS

8.8.4. Il numero delle cremazioni nel 1943: il consumo di coke

8.8.5. Le cremazioni all'aperto nel 1944

8.8.6. L'eloquente silenzio di van Pelt

8.8.7. I testimoni

Capitolo 9 - Pressac e i forni crematori di Auschwitz-Birkenau (p. 295)

9.1. L'incompetenza tecnica di Pressac

9.2. Capacità di cremazione

9.2.1. Il crematorio I

9.2.2. I crematori di Birkenau

9.3. Carico di una muffola

9.4. Consumo di coke

9.5. Rapporto muffole/detenuti

9.6. Le nuove interpretazioni di Pressac

9.6.1. Gli argomenti di Pressac su forni crematori e cremazione

9.6.2. Discussione degli argomenti

9.6.3. Le congetture e le deduzioni di Pressac sui forni crematori

9.6.4. I disegni tecnici di Pressac

9.7. Storia romanzata dei forni del crematorio I

9.7.1. Il primo forno crematorio

9.7.2. Il secondo forno crematorio

9.7.3. La «prima gasazione» e il logoramento del secondo forno crematorio

9.7.4. Il terzo forno crematorio

9.8. La ventilazione della camera mortuaria del crematorio I

9.9. I forni a 8 muffole

9.10. I progetti per la cremazione in massa ad Auschwitz-Birkenau del 1943

Parte Terza

I testimoni Henryk Tauber e Rudolf Höss

Capitolo 10 - Analisi critica delle testimonianze di Henryk Tauber (p. 337)

10.1. Introduzione

10.2. Forni crematori e cremazione

10.2.1. Dimensioni delle muffole

10.2.2. Temperatura della muffola

10.2.3. Sistema di caricamento delle muffole

10.2.4. Caricamento dei cadaveri: il disegno di David Olère

10.2.5. Carico delle muffole e durata della cremazione

10.2.6. L'apertura delle porte delle muffole

10.2.7. La combustibilità dei cadaveri

10.2.8. L' «autocombustione» dei cadaveri

10.2.9. Le braci dei cadaveri

10.2.10. I camini fiammeggianti

10.2.11. Le cremazioni di prova

10.2.12. Il sacco «refrattario»

10.2.13. Le «fosse di cremazione»

10.2.14. Le «fosse di cremazione» e le fotografie aeree di Birkenau

10.2.15. La falda freatica dell'area di Birkenau

10.3. Le gasazioni

10.3.1. La prima gasazione omicida nel crematorio II

10.3.2. La baracca-spogliatoio

10.3.3. Le gasazioni successive nel crematorio II

10.3.4. La porta della presunta camera a gas

10.3.5. I dispositivi di introduzione dello Zyklon B

10.3.6. Le docce «finte»

10.3.7. La suddivisione della presunta camera a gas del crematorio II in due locali

10.3.8. Il procedimento di gasazione nei crematori IV e V

10.4. Forza e vicende del Sonderkommando

10.4.1. La forza del Sonderkommando nel marzo-aprile 1943

10.4.2. Il Sonderkommando dei Bunker

10.4.3. La presunta gasazione di 200 detenuti del Sonderkommando

10.4.4. Il presunto trasferimento a Lublino-Majdanek

10.4.5. La rivolta del Sonderkommando

10.4.6. Il mistero della sopravvivenza dei 90 membri del Sonderkommando

10.5. Propaganda grossolana sulle atrocità delle SS

10.5.1. Le persone bruciate vive

10.6. Conclusione

Capitolo 11 - Analisi critica delle testimonianze di Rudolf Höss (p. 384)

11.1. Le contraddizioni «inesistenti» delle dichiarazioni di Höss

11.2. Errori, incongruenze e metodiche capziose di van Pelt

11.3. Le torture inflitte a Höss

Parte Quarta

Gli errori tecnici e storici di van Pelt

Capitolo 12 - La «conoscenza peritale» di van Pelt e i forni crematori di Auschwitz-Birkenau (p. 398)

12.1. La competenza di van Pelt sulla cremazione

12.2. La capacità di cremazione dei crematori di Birkenau

12.2.1. La lettera della Zentralbauleitung del 28 giugno 1943

12.2.2. Il progetto del forno di Fritz Sander

12.3. La nota di Kurt Prüfer dell'8 settembre 1942

12.4. Il consumo di coke per una cremazione

12.5. Il numero dei cadaveri cremati con le forniture di coke ai crematori

12.6. Le cremazioni multiple

12.7. Crematori e camere mortuarie

12.8. La capacità «eccessiva» dei forni crematori

Capitolo 13. Le presunte aperture di introduzione dello Zyklon B sulla copertura del Leichenkeller 1 dei crematori IIe III di Birkenau (p. 433)

13.1. Le congetture di van Pelt

13.2. Il rapporto di Daniel Keren, Jamie McCarthy e Harry W. Mazal

13.2.1. Analisi critica delle «scoperte» archeologiche di Keren, McCarthy e Mazal

13.3. Le testimonianze «convergenti»

13.3.1. Yehuda Bakon

13.3.2. David Olère

13.3.3. Le fotografie aeree del 25 agosto 1944

13.3.4. La «fotografia del treno»

Capitolo 14 - Lo Zyklon B (p. 453)

14.1. La concentrazione di HCN nelle presunte camere a gas omicide

14.2. Le forniture di Zyklon B ad Auschwitz

14.3. Il numero dei gasati potenziali

Capitolo 15 - Il numero delle vittime (p. 467)

15.1. La Commissione di inchiesta sovietica

15.2. Nachman Blumental e altri

15.3. La revisione di G.Wellers e di F. Piper

15.4. Le statistiche di F. Piper

15.4.1. Il numero degli Ebrei deportati

15.4.2. Il numero degli immatricolati, dei non immatricolati (Durchgangslager) e dei presunti gasati

15.4.3. Il numero dei morti (detenuti immatricolati)

15.4.4. Conclusioni

15.5. Significato e valore delle revisioni di J.-C. Pressac e di F. Meyer

15.6. La cifra propagandistica dei 4 milioni e l'attendibilità dei testimoni

Parte quinta

L'origine della «convergenza di rapporti indipendenti»

Capitolo 16 - La propaganda del movimento di resistenza clandestino di Auschwitz (p. 492)

16.1. Le storie propagandistiche cadute nell'oblio

16.2. La storia dello sfruttamento industriale dei cadaveri umani

16.3. Nascita della storia propagandistica delle camere a gas

16.4. La propaganda si consolida: il contributo dei Sovietici, dei Britannici e dei Polacchi

Capitolo 17 - Genesi della «conoscenza» delle presunte camere a gas di Auschwitz (p. 512)

17.1. IL «War Refugee Board Report»

17.2. Le giustificazioni di un falso storico

17.2.1. Le giustificazioni di van Pelt

17.2.2. Le giustificazioni di Pressac

17.3. L'origine del rapporto e del disegno del crematorio II/III

17.4. I Sovietici e il campo di Lublino-Majdanek: prove generali di propaganda

17.4.1. Le «camere a gas»

17.4.2. La montagna di scarpe

17.4.3. I forni crematori

17.5. L'articolo di Boris Polevoi del 2 febbraio 1945

17.6. Le perizie e le indagini polacche

17.6.1. Roman Dawidowski

17.6.2. Jan Sehn

17.7. I testimoni Charles Sigismund Bendel, Miklos Nyiszli e Filip Müller

17.7.1. Charles Sigismund Bendel

17.7.2. Miklos Nyiszli

17.7.3. I testimoni Bendel e Nyiszli secondo Pressac

17.7.4. Filip Müller

17.8. I testimoni minori

17.8.1. Ada Bimko

17.8.2. Marie Claude Vaillant-Couturier e Severina Shmaglevskaya

17.8.3. Janda Weiss

Capitolo 18 - Genesi e sviluppo delle presunte camere a gas di Auschwitz (p. 558)

18.1. Le carenze metodologiche di van Pelt

18.2. La presunta «prima gasazione»

18.3. Le presunte gasazioni nel crematorio I

18.3.1. Infondatezza storico-documentaria

18.3.2. Pery Broad

18.3.3. Hans Stark

18.3.4. Storia romanzata della prima gasazione nel crematorio I

18.4. I Bunker di Birkenau

18.4.1. Totale assenza di prove

18.4.2. La prima interpretazione di van Pelt

18.4.3. La seconda interpretazione di van Pelt

18.4.4. L'interpretazione finale di van Pelt

18.4.5. La presunta attività omicida dei Bunker

18.4.6. I testimoni

18.4.6.1. Jerzy Tabeau

18.4.6.2. Szlama Dragon

18.4.6.3. David Olère

18.4.6.4. La «convergenza di prove» sui Bunker

18.4.6.5. Johann Paul Kremer

Capitolo 19 - La metodologia di van Pelt (p. 583)

19.1. La leggenda del «terribile segreto» di Auschwitz

19.2. Le visite di alti ufficiali SS ad Auschwitz

19.3. L'illusione della «convergenza di rapporti indipendenti» e della «convergenza di prove»

Conclusione (p. 610)

Appendice (p. 612)

Glossario

1) Struttura dell' SS-Wirtschafts-Verwaltungshauptamt (1942)

2) Sezioni (Abteilungen) e struttura del KL Auschwitz

3) Nota esplicativa sulla posizione gerarchica della Zentralbauleitung di Auschwitz

4) Settori (Sachgebiete) della Zentralbauleitung di Auschwitz nel gennaio 1943

5) Bauleitungen dipendenti dalla Zentralbauleitung di Auschwitz nel gennaio 1943

6) Struttura della ditta J.A.Topf & Söhne di Erfurt alla fine degli anni Trenta

Didascalie dei documenti (p. 625)

Abbreviazioni degli archivi (p. 631)

- Nota sulle fonti polacche

- Nota sulle fonti tedesche conservate a Mosca

Bibliografia generale (p. 634)

Bibliografia sulla cremazione (p. 644)

Indice dei nomi (p. 649)

Documenti (pp. 659-715).

1 http://www.osservatorioantisemitismo.it/wp-content/uploads/2013/08/Daniela-Rana_Tesi-di-dottorato_Studi-Politici.pdf.

2 È più esatto dire blog su Carlo Mattogno, dato che non ho alcun blog.

3 V. Pisanty, «Sul negazionismo», in: Italia contemporanea, n. 212, settembre 1998, in rete:

http://www.insmli.it/pubblicazioni/1/ic_212_pisanty.pdf

4 V. Igounet, Histoire du négationnisme en France. Éd. du Seul, Parigi, 2000, p. 644.

 


Additional information about this document
Property Value
Author(s): Olodogma
Title: Ringraziamento a Daniela Rana...di Carlo Mattogno
Sources:
n/a
Contributions:
n/a
Published: 2015-01-07
First posted on CODOH: Sept. 30, 2018, 7:55 a.m.
Last revision:
n/a
Comments:
n/a
Appears In:
Mirrors:
Download:
n/a