Carlo Mattogno - La "Repubblica" del linciaggio
Published: 2015-02-07

.

LA REPUBBLICA DEL LINCIAGGIO

di Carlo Mattogno, 23 Ottobre 2009

Il Prof. Caracciolo,2011.Click...
Il Prof. Caracciolo,2011. Click...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Il 22 Ottobre La Repubblica ha pubblicato un articolo di Marco Pasqua che reca il titolo, in prima pagina, “Il prof alla Sapienzal’Olocausto non esiste”, a p. 25, “L’Olocausto è una leggenda” prof negazionistashock alla Sapienza[1].
Un piccolo gioiello di propaganda disinformatrice e forcaiola, un piccolo detonatore creato ad arte per far esplodere la bomba mediatica con la penosa sequela di personaggi pubblici “indignati” che profondono le loro insulsaggini contro il malcapitato professore. Una vera “Informazione Corretta”, che finalmente si prende la sua vendetta contro chi metteva a nudo le sue puerili menzogne.
Bisogna anzi lodare la pazienza dei “Corretti Informatori”, che hanno atteso oltre due anni prima di procedere, dopo aver tentato di stroncare Caracciolo con tutto il loro raffinato repertorio di calunnie. L’articolista mostra di averne tratto profitto: due titoli, due falsi!
Caracciolo non ha mai detto “l’Olocausto non esiste” (caso mai: non è esistito), e neppure “l’Olocausto è una leggenda”. La prima sentenza è una creazione del giornalista o della redazione, la seconda è tratta dal blog di Caracciolo Clubtiberino. Nel suo articolo appare lo stralcio iniziale di un testo di Caracciolo, creato il 21 ottobre 2006, dal titolo “La leggenda dell’Olocaustoriapertura di un dibattito[2], che solo in perfetta malafede si può chiosare con “l’Olocausto è una leggenda”. Testo diretto, guarda caso, contro i “Corretti Informatori”!
Caracciolo vi spiega in modo inequivocabile sia il significato del titolo, sia la sua posizione:

«Il tema del “cosiddetto Olocausto” era per me poco più di una curiosità intellettuale, ma dopo gli incredibili attentati alle libertà democratiche a proposito del caso teramano, che è soltanto un fatto di provincia, diventa per me un obbligo morale conoscere in modo diretto tutta quella letteratura che è stata posta sotto divieto da una ben individuabile lobby.
Per l’uso dell’espressione “cosiddetto Olocausto” posso rinviare allo storico ebreo Sion Segre Amar, ma i miei iniziali ed autonomi intendimenti non erano di “negare” alcunché: sulla semplice espressione linguistica si è costruita un’incredibile polemica da caccia alle streghe finita su uno dei maggiori quotidiani d’Italia!
Le mie espressioni esprimevano soltanto l’incomprensibilità linguistica e storica di un termine a valenza religiosa e la mia riluttanza e fastidio ad utilizzarlo per definire un semplice “sterminio” di popolazioni, ammesso che vi sia stato. Non immaginavo le reazioni che avrei scatenato. Invece “leggenda” vuole alludere ad un misto di verità confuso con falsità e soprattutto strumentalizzazioni. Potrei anche usare l’espressione “mito” nel senso soreliano. Infatti, non mi pare dubbio che sull’Olocausto il neo stato d’Israele abbia inteso fabbricare il suo mito fondativo. Ed i miti, si sa, non bisogna toccarli e disturbarli».

Evidentemente per certa gente il dubbio è già negazione, come per i “Corretti Informatori” qualunque dubbio sulla politica israeliana è un intollerabile atto di antisemitismo.
In tale contesto, l’espressione “La leggenda dell’Olocausto” è una evidente provocazione pour épater les Correcteurs.
Nell’articolo di Pasqua appare anche una mia fotografia con questa didascalia:

“Carlo Mattogno. È il massimo esponente italiano della corrente: nega che vi siano state azioni naziste per sterminare ebrei e zingari”.

Questo mio accostamento al prof. Caracciolo non è semplicemente “ideologico”, come vorrebbe dare ad intendere l’articolista. Coerentemente coll’impegno espresso due anni or sono di

«conoscere in modo diretto tutta quella letteratura che è stata posta sotto divieto da una ben individuabile lobby»,

il prof. Caracciolo ha infatti ospitato nel suo blog alcuni miei scritti. I più importanti sono questi:
Raul Hilberg e i «centri di sterminio» nazionalsocialistiFonti e metodologia
http://civiumlibertas.blogspot.com/2008/01/carlo-mattogno-raul-hilberg-e-i-centri.html
(in PDF: http://vho.org/aaargh/fran/livres8/CMhilberg.pdf)
Una serrata critica storico-metodologica del “classico” per eccellenza della letteratura olocaustica.
· «L’irritante questione» delle camere a gas ovvero da Cappuccetto Rosso ad… AuschwitzRisposta a Valentina Pisanty. Edizione riveduta, corretta e aggiornata
http://civiumlibertas.blogspot.com/2007/11/slomo-in-grande-emozione-con-veltroni-e.html#parteterza
(in PDF: http://vho.org/aaargh/fran/livres7/CMCappuccetto.pdf)
Risposta alle favole storiche di questa specialista in fiabe.
«La verità sulle camere a gas»? Considerazioni storiche sulla «testimonianza unica» di Shlomo Venezia
http://civiumlibertas.blogspot.com/2007/11/slomo-in-grande-emozione-con-veltroni-e.html#parteterza
(in PDF: http://www.aaargh.com.mx/fran/livres8/CMVENEZIA.pdf)
Anatomia di una pretesa “testimonianza unica” su Auschwitz.
I “nuovi” documenti su Auschwitz di Bild.DEUna bufala gigantesca. 12 Novembre 2008.
http://civiumlibertas.blogspot.com/2007/11/slomo-in-grande-emozione-con-veltroni-e.html#mtdiciannove
(in PDF: http://www.aaargh.codoh.info/fran/livres9/MattognoBild.pdf)
La storia farsesca di “nuovi” documenti su Auschwitz già noti vent’anni fa e reinterpretati in modo ingannevole.
· Netanyahu all’ONU
http://civiumlibertas.blogspot.com/2009/10/carlo-mattogno-netanyahu-allonu.html
L’olocausto visto da Netanyahu (povero olocausto!)
Nel contesto attuale, merita un rilievo particolare l’articolo La “Repubblica” della disinformazione,
http://civiumlibertas.blogspot.com/2009/02/carlo-mattogno-la-repubblica-della.html
nel quale ho già dato ampiamente conto dell’arroganza e dell’ignoranza di questo giornale sulla tematica olocaustica.

Click per ingrandire
Click per ingrandire
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Ciò che si rimprovera al prof. Caracciolo, più ancora di aver pubblicato questi scritti, è di averli letti e di non avervi trovato traccia di quei «folli principi» di cui sproloquia gente che a stento ne ha letto i titoli.
Ciò non significa che egli sia un “negazionista”: è solo una persona onesta che si batte per la libertà di espressione.
Se la redazione de La Repubblica è tanto certa che le tesi revisionistiche siano folli, lo dimostri sul piano storiografico. Metto in campo un buon oggetto per la sua indagine: il mio recente studio di 715 pagine Le camere a gas di AuschwitzStudio storico-tecnico sugli “indizi criminali” di Jean-Claude Pressac e sulla “convergenza di prove” di Robert Jan van Pelt. (Effepi, Genova, 2009).
Ecco un’ottima occasione per verificare se questi fieri propugnatori della realtà storica dell’olocausto sono persone serie e credibili oppure degli emeriti buffoni.

Carlo Mattogno, 23 ottobre 2009.

[1] In linea: http://www.repubblica.it/2009/10/sezioni/cronaca/prof-olocausto/prof-olocausto/prof-olocausto.html
[2] In: http://clubtiberino.blogspot.com/2006/10/la-leggenda-dellolocausto-riapertura.html

 


Additional information about this document
Property Value
Author(s): Olodogma
Title: Carlo Mattogno - La "Repubblica" del linciaggio
Sources:
n/a
Contributions:
n/a
Published: 2015-02-07
First posted on CODOH: Oct. 29, 2018, 6:27 p.m.
Last revision:
n/a
Comments:
n/a
Appears In:
Mirrors:
Download:
n/a