Legge ultima chance. Piero Sansonetti...Negazionisti in cella? E' pura follia...aboliamo la legge-Mancino
Published: 2015-02-16

.

Dopo l'approvazione del Senato del DDL 54, legge anti-negazionismo  preleviamo, dallo scarno campionario delle voci fuori dal coro , Piero Sansonetti, raro esempio di coloro che ragionano autonomamente dalle bolle, dalle veline dei  muezzin della religione/superstizione della $hoah o degli impiegati della memoria. La pubblicazione di questo testo non comporta, automaticamente,  la nostra condivisione in toto del testo. Esempio di ciò: Sansonetti dice...

"lo sterminio degli ebrei compiuto dai tedeschi e dagli italiani tra il 1940 e il 1945"

da cui risulterebbe una anticipazione dell'inzio della "sterminio" ebraico di 1-2 anni rispetto al preteso inizio ufficiale-sterminazionista ed una cooperazione al 50% nello "sterminio" di circa 3.000.000 di  ebrei nei vari campi e circa 750.000-2.100.000 ebrei nelle operazioni mobili di Polizia (Einsatzgruppen). Non si è a conoscenza di formazioni italiane organiche negli Einsatzgruppen, nè nell'impiego delle Waffen SS Italia nei vari lager, chiediamo lumi in merito a Sansonetti. Se, invece, si riferiva alle operazioni di deportazione ebraiche in Italia risulta  che vennero "Arrestati e deportati 6806" ebrei, quindi 1/881.57 del cabalistico 6.000.000. Deportazioni avvenute  "solo" DOPO l'8 Settembre 1943! Tre anni posteriori la datazione del Sansonetti.    (fonte http://www.cdec.it/home2.asp?idtesto=594#Tavola_1.__Vittime_della_Shoah_in_Italia).   Olodogma

_________________________________________________________________________________

Negazionisti in carcere?
Invece aboliamo la legge-Mancino
NUOVA LEGGE
Negazionisti in prigione? E' pura follia

di Piero Sansonetti [1]

Click...
Click...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

La nuova norma, approvata ieri dal Senato, quasi all'unanimità, che punisce con la prigione fino a tre anni il "negazionismo", sicuramente non ridurrà il tasso di antisemitismo (che è piuttosto alto in Italia) ma invece porterà un altro sassolino alla costruzione del castello di una legislazione sempre pia "proibizionista" ed invadente. Cioè, in sostanza - a prescindere dalle conseguenze pratiche che avrà, probabilmente nessuna - rafforzerà l'idea che le opinioni possono essere perseguite a norma di legge e punite anche con il carcere. In contrasto con l'articolo 21 della Costituzione che, nel suo primo comma, dice così: «Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione». La legge sul negazionismo invece sostiene che la libertà di parola è limitata da determinati confini. E cioè esclude alcune ideologie, o alcune ipotesi storiche ritenute aberranti. Anch'io ritengo aberranti, e anche ripugnanti, le ipotesi storiche e le teorie "negazioniste" alle quali si riferisce la legge (e principalmente quella che nega la Shoah, cioè lo sterminio degli ebrei compiuto dai tedeschi e dagli italiani tra il 1940 e il 1945). E tuttavia considero anche aberrante punire col carcere chi dice cose aberranti. In qualunque modo si voglia interpretare... NUOVA LEGGE... Negazionisti in prigione? È pura follia questa ennesima legge "punitiva", è indubbio che si tratta di una legge che introduce un nuovo reato di opinione. Io penso che i reati di opinione siano una caratteristica tipica delle dittature e delle democrazia autoritarie ( e paurose) e che in un regime democratico, davvero moderno e liberale, un reato di opinione non ha possibilità di esistere. La legge che è stata approvata ieri dal Senato si presenta come una correzione della precedente legge del 1975, chiamata legge Reale e dalla successiva legge Mancino che è del 1993. Entrambe nate nel solco della legge Scelba, del 1953, che proibiva l'apologia del fascismo, per realizzare una disposizione della Costituzione (che però era una disposizione transitoria, scritta all'indomani della caduta del fascismo e concepita come misura di emergenza destinata a cadere nel giro di pochi anni, e che invece non è mai caduta). Non solo penso che la legge sul negazionismo sia sbagliata. Penso che sia pericolosa. Perché nel momento nel quale si decide che è proibito pensare con idee naziste e razziste - e si rinuncia al principio che queste idee si combattono con la battaglia culturale, con la battaglia politica, con l'educazione, con l'organizzazione di massa - si stabilisce un principio la cui estensione non sarà pia (recte più, ndolo) controllabile. Chi decide qual è il limite oltre il quale la libertà delle idee (e della ricerca storica) non può spingersi?

[ Il vero problema che si porrà è ben più ampio. Chi stabilirà se la negazione di un particolare, per esempio il numero dei morti totali o solo parziali, sia realmente "percepita" da un hasbariota, dieci hasbarioti, mille hasbarioti, come una istigazione a delinquere quindi a colpirlo ? ...<<Io temo per la mia incolumità dopo quella propaganda negazionista sul sapone e sulle camere a vapore acqueo di Treblika!>> Esiste un giudice che riuscirà a stabilire se ciò sia vero o sia solo un espediente usato per tacitare chi espone risultati di serie ricerche storiche non conformi o, semplicemente, ritenute pericolose per lo statu quo? Propagandisticamente nel testo di legge si resta sul vago, indefinito, si introduce un termine straniero che genera ancor più confusione : $hoah! ...ma

<<“negare la Shoah” storicamente non significa nulla, perché, contrariamente a quanto credono gli ignoranti, essa non è un fatto, meno che mai un fatto univoco e innegabile, bensì una congerie straordinariamente complessa di interpretazioni di fatti reali, di affermazioni indimostrate e di supposizioni aleatorie.  Il reato di “negazione della Shoah”, senza un elenco preciso di tutti i suoi aspetti “innegabili”, sarebbe pertanto giuridicamente aberrante; esso costituirebbe per di più un becero atto di vero negazionismo: la negazione della libertà di opinione in campo olocaustico, l’unico campo storico che, negli intendimenti degli intolleranti fautori della legge,  dovrebbe essere sottratto a suon di galera alla critica. (Carlo Mattogno)  ]

Può deciderlo solo un'entità: il potere. Il potere di chi ha vinto, di chi è pia (recte più, ndolo) forte, di chi comanda. Tanto è vero che questo potere non ha mai previsto, tra i grandi crimini contro l'umanità che è vietato negare, l'annientamento dei nativi d'America ( i pellirosse per intenderci) sterminati dagli europei e dall'esercito degli Stati Uniti. Perché? Perché gli autori di quel genocidio sono ancora i vincitori. Sono il potere. E il potere non può negare se stesso. E se il potere domani dovesse decidere che sono proibite le ideologie che mettono in discussione il liberismo? O quelle che contestano la "sacralità" dei magistrati e della legalità? O che sono proibite alcune religioni considerate antimoderne? Voi capite che si rischia una spirale pericolosissima. La verità è che queste leggi nate per combattere l'ideologia fascista, sono loro stesse leggi di tipo fascista. Non solo io credo che sarebbe giusto se la Camera respingesse il provvedimento sul negazionismo. Ma mi piacerebbe che ci si decidesse ad abrogare anche la legge Mancino. P.S. Mi ha fatto piacere sapere che l'unica voce critica che si è levata in Senato contro questa norma sia stata quella della senatrice a vita Elena Cattaneo [2]. Dimostra che le persone in grado di pensare con la propria testa, anche in Parlamento, sono drammaticamente in via di riduzione ma non sono estinte... (Fonte http://www.ow1.rassegnestampa.it/Ucei/Viewer.aspx?Date=Today&ID=2015021229523741  +  http://ilgarantista.it/2015/02/12/negazionisti-in-prigione-e-pura-follia/)

Note

[1] Chi è Piero Sansonetti ...<< Ha cominciato a lavorare a l'Unità nel 1975, prima come cronista, poi come notista politico e caporedattore. Dal 1990 al 1994 è stato vicedirettore e condirettore dello stesso giornale...Dal 1º ottobre 2004 all'11 gennaio 2009 è direttore di Liberazione, il quotidiano del Partito della Rifondazione Comunista...dal febbraio 2009 ha iniziato una collaborazione per il quotidiano Il Riformista>>... (http://it.wikipedia.org/wiki/Piero_Sansonetti)

[2] Su tale Cattaneo il nostro post  dedicato http://olodogma.com/wordpress/2015/02/13/0964-elena-cattaneo-negazionisti-ciarlatani-della-storia-li-sbugiarderemo/

 


Additional information about this document
Property Value
Author(s): Olodogma
Title: Legge ultima chance. Piero Sansonetti...Negazionisti in cella? E' pura follia...aboliamo la legge-Mancino
Sources:
n/a
Contributions:
n/a
Published: 2015-02-16
First posted on CODOH: Nov. 12, 2018, 4:19 p.m.
Last revision:
n/a
Comments:
n/a
Appears In:
Mirrors:
Download:
n/a