Controesodo...l''Intifada dei coltelli non perseguiterebbe l'Israeliano che risbarcasse sulla sponda nord del Mediterraneo?
Published: 2015-11-13

.D

L'esportazione dell'assalto al coltello contro il colonizzatore sionista  è "preoccupante"!

Dice il Ceronetti Guido:

"L'Intifada dei coltelli non perseguiterebbe l'Israeliano che risbarcasse sulla sponda nord del Mediterraneo?"

quasi doppiando la nostra domanda...

“E’ evidente la gravità dell’adozione di tale uso del coltello, pratica che è ben esportabile… chi difenderebbe gli assaliti, se tale pratica, economica (è sufficiente un coltello), si diffondesse, anche, fuori dal ghetto incistato in Palestina?”...

pensiero affiancato da sarfati nahmad, ebreo diasporico...

"gli ebrei della dia­spora sono una mino­ranza nei vari stati in cui vivono, sono quindi vul­ne­ra­bili (lo abbiamo visto in Fran­cia)"...

ACCOGLIEREMMO I NOSTRI FRATELLI D' ISRAELE? 
GUIDO CERONETTI 
...Ci vogliono, come una rana esopica, far ingoiare un miliardo di maleamati Africani, ma una Europa molto più razionale che si preoccupi del suo sempre attuale problema ebraico di vita e di morte lo ha rimosso, non ci riguarda. 
Qualche buco bisognerà che lo lasciamo libero per i nostri fratelli ebrei di Israele se saranno costretti a tornare alle nazioni d'origine e a quell'America ipnotizzata da Putin e dovremmo dare uno spazio dove rifondare l'Erez perché i loro ragazzi caparbi e votati militarmente possano rifondare una patria da Dan a Beersheba. È impossibile che tutti vogliano morire per la pianura delle moschee o dar fuoco alle micce di Dimona. 
...
Quando si trattasse di accogliere i nostri fratelli israeliani profughi le porte spontaneamente aperte sarebbero poche; le molte cristiane e atee chiuse farebbero il ripugnante gesto della quenelle di Dieudonné. I preti si affannano per accogliere islamici da tutta l'Africa, ma non so quanti parroci e vescovi per il con-troesodo degli Ebrei che scegliessero la via della nuova Golah si muoverebbero....
Léon Poliakov al termine della sua storia dell'antisemitismo, scriveva che stanco di rappresentare il destino umano, Israele si era cercato un angolo nella terra delle lontane origini per tirarsi fuori dagli orrori e dagli inesorabili abissi della storia. Ma non poteva essere così per un popolo destinato proprio a rappresentare carnalmente e spiritualmente il destino umano e al di là di questo di essere un'idea trascendente dell'Essere... 
Dovremmo essere come Europa e Italia protettori costanti di Israele; ma li proteggeremmo davvero o li ghettizzeremmo di nuovo? Vedendo l'esercito nostro sorvegliare le porte delle sinagoghe mentre vanno o escono da scuola frotte di scolari uguali a quelle di tutto il mondo, mi riempio di tristezza e di angoscia. Quando finirà questa umiliazione alla civiltà inferta dall'antisemitismo, come possiamo accettarla?...quante voci di genitori cristiani e islamici si unirebbero per cacciare fuori quei poveri bambini ebrei anziché accoglierne altri da oltremare? L'Intifada dei coltelli non perseguiterebbe l'Israeliano che risbarcasse sulla sponda nord del Mediterraneo?...
Ci pensiamo in Europa a non digrignare miserabilmente i denti, a non ricalcitrare oscenamente all'idea di un controesodo ebraico... 
(Fonte: GUIDO CERONETTI , La Repubblica, 04.11.2015. Copia da http://80.241.231.25/ucei/Viewer.aspx?Date=Today&ID=2015110431631706)


Additional information about this document
Property Value
Author(s): Olodogma
Title: Controesodo...l''Intifada dei coltelli non perseguiterebbe l'Israeliano che risbarcasse sulla sponda nord del Mediterraneo?
Sources:
n/a
Contributions:
n/a
Published: 2015-11-13
First posted on CODOH: April 24, 2019, 9:57 a.m.
Last revision:
n/a
Comments:
n/a
Appears In:
Mirrors:
Download:
n/a