L'ebrea segre liliana sui militanti di "estrema destra" e campi di concentramento tedeschi
Published: 2015-12-17

.

Immagine-1. Click...
Immagine-1. Click...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

L'universo sterminazionista definisce, impropriamente, i revisionisti del cosiddetto olocau$to ebraico come "estremisti di destra". Durante una intervista a La Repubblica di Milano del 17.12.15, l'ebrea segre liliana, alla domanda sui militanti "di estrema destra",

<< Che direbbe a un naziskin o comunque a un militante di estrema destra ?
«Ti piace dire che i campi di concentramento non sono mai esistiti?
Fai un salto a Auschwitz... Chissà che non ti convinci... Ma capisco che è un gridare al vento»>> (1)(1bis)

l'ebrea segre liliana unisce nella risposta la pretesa negazione dei campi di concentramento al militante di "estrema destra", trasformandolo, quindi, in un revisionista-negazionista, secondo il riflesso condizionato standard.

 

 


Immagine-2. segre liliana, campi concentramento. Click...
Immagine-2. segre liliana, campi concentramento. Click...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

L'affermazione non è solitaria, o frutto di equivoco, è un misero espediente di uso corrente nella international-holocau$t-israel-lobby sterminazionista per cercare di screditare la ricerca storica non omologata, facendo, almeno tentando, di far passare per idioti chi non crede, o ha dubbi, sulla traballante versione "testimoniata" da tanti professionals della memoria!
La risposta presuppone che i revisionisti siano in malafede, fino al punto di negare ciò che è sotto gli occhi di tutti!
Ma non è così!
Questi non hanno ancora capito (lo hanno dovuto ammettere almeno dal 21.02.1979, 36 anni fa!) che hanno perduto la "guerra" contro il revisionismo, nonostante la sistematica, feroce, repressione poliziesca e tribunalizia, nonostante le aggressioni fisiche fino all'omicidio, nonostante le illiberali, liberticide, inquisizioniste leggi speciali che tanto gli servono (vedere qui)!
Quale serio revisionista ha mai negato l'esistenza dei campi di concentramento tedeschi?
Può essere che a noi sia sfuggito tale titolare di siffatta idiozia, quindi chiediamo di conoscere il nome di tale idiota, ringraziamo per la risposta (che mai arriverà)!
Un solo nome!
Infine...perchè dover andare fino ad Auschwitz, in Slesia, Polonia, per avere conferma della loro esistenza? Non è sufficiente fermarsi all'ex Konzentrationslager di Dachau?
Non si è ancora capito che la ridotta dello sterminazionismo è sullo sterminio per spallottolamento degli Einsatzgruppen?
Sulla $hoah per soffocamento...

'eravamo trenta giovani ucraine, con i piedi nudi dovevamo pigiare i corpi e buttare sopra uno strato di terra, per fare posto ad altri ebrei'. Invece della Shoah industriale delle camere a gas, quella per soffocamento.
[Fonte: Patrick Desbois, Fucilateli tutti!, Marsilio editore; prefazione di Frediano Sessi (Vedere qui la "sonderbehandlung" a lui riservata da Carlo Mattogno). Link: http://www.consorziores.it/locale/trebulana.it/memoria.html ]?

 Sulle emozioni, più precisamente veri raggiri emotivi?
Auschwitz ha perduto il primato!
Dopo le sconcertanti risultanze delle ricerche, e pubblicazioni, revisioniste NULLA rimane in piedi del cosiddetto "campo di sterminio", o Vernichtungslager come tanto piace alla storiografia olocau$tica, di Auschwitz!
Ciò per informazione di chi, per esempio, ciarla elettivamente a degli "stolti Goyim", negli anni 2000, di "nastro trasportatore" ed elettrocremazione ad Auschwitz!

 


In ultimo:

Immagine-3. Danuta Czech, minori 14 anni, Auschwitz. Click...
Immagine-3. Danuta Czech, minori 14 anni, Auschwitz. Click...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

è racconto di pubblica notorietà che i Tedeschi gasavano immediatamente i minori di anni 14 al momento del loro arrivo ad Auschwitz, infatti la pubblicazione ufficiale del museo di Auschwitz scrive…

<< I restanti deportati sono mandati direttamente dalla banchina alle camere a gas. Le vittime sono anzitutto malati, invalidi, vecchi, donne incinte e donne con lattanti, oltre a bambini d’età fino ai 14 anni>>…(2)

Ora la stessa ebrea segre liliana afferma di essere stata internata all'età di 13 anni (esattamente 13 anni e 5 mesi), conseguentemente e logicamente, quindi, viene da chiedere: perchè i Tedeschi, tanto pignoli e burocratizzati, fecere una eccezione per segre liliana? 
Quale miracolo avvenne?

...<< camminavo insieme a 700 donne e bambine da Auschwitz a Birkenau per andare al lavoro nella fabbrica di munizioni Union, incontravo ogni giorno un gruppo di ragazzi della Hitler-Jugend in bicicletta: eleganti, belli, profumati. Due anni più di me che ne avevo 13>>...(3)

Note
1) Fonte: http://80.241.231.25/ucei/Viewer.aspx?Date=Today&ID=2015121731996576
1bis) Informazioni sull'autore dell'intervista si trovano qui: Mario Consoli: “In difesa di Gianantonio Valli e della libertà di pensiero…” 
2) Fonte: Danuta Czech, Kalendarium der Ereignisse im Konzentrationslager Auschwitz-Birkenau 1939-1945, Gennaio – Giugno 1944, pag.7. Link http://www.deportati.it/static/pdf/libri/kalendarium/1944_1.pdf
3) Fonte: http://80.241.231.25/ucei/Viewer.aspx?Date=Today&ID=2015121731996576

 


Additional information about this document
Property Value
Author(s): Olodogma
Title: L'ebrea segre liliana sui militanti di "estrema destra" e campi di concentramento tedeschi
Sources:
n/a
Contributions:
n/a
Published: 2015-12-17
First posted on CODOH: June 11, 2019, 12:21 p.m.
Last revision:
n/a
Comments:
n/a
Appears In:
Mirrors:
Download:
n/a