Auschwitz non era un campo di sterminio e questo lo sappiamo tutti
Published: 2016-06-26

.
Ci viene segnalato che su un forum di discussione (0) con tema "Auschwitz, Shoah e nazismo(sic!)" è avvenuto l'incredibile. Calma! Stiano calmi gli spiriti onesti più allegri... è solo un misero espediente, una cortina fumogena con la quale si spera di coprire una vergognosa rotta-ritirata, un mal camuffato diversivo, in realtà una olo-Dunkerque, come spiegheremo più avanti.

 

 

 

 

 

 

 

Immagine-1.Auschwitz non era un campo di sterminio, prostitute. Click...
Immagine-1.Auschwitz non era un campo di sterminio. Click...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

 

 

 

Riportiamo lo scambio di posts avvenuto...

Revisionista
(...) <<...interpreta il senso di questa frase: "A terrible place -- but it was not an extermination camp."
tradotta: "un posto terribile, ma non era un campo di sterminio"

"non era un campo di sterminio" come si può interpretare????
credo che solo una interpretazione sia plausibile: "Auschwitz non era un campo di sterminio" ..........almeno secondo la Sereny.

.......ne consegue che tutte le testimonianze che "certificano" le "camere a gas" omicide ad Auschwitz (ovvero lo "STERMINIO") - secondo la storica ebrea - sono balle, bufale, pure invenzioni...... tu puoi anche pensare che la signora fosse matta, nessuno te lo impedisce, ma non dovresti distorcere il senso delle sue parole... la Sereny pensava che Auschwitz non fosse un campo di sterminio e l'ha detto in maniera oltremodo chiara...... anche se la sua dichiarazione ti fa bruciare il culo al punto da dover a tutti i costi trovare una "verità alternativa".


(applicare in dose massiccia sulla parte dolorante)

in conclusione: Olodogma ha detto la verità, il Merovingio ha mentito................. platealmente ed in totale malafede.

....ciò che pensava di Treblinka è chiarissimo, la Sereny non era certo una "negazionista".... ma a Noi interessa evidenziare il suo pensiero su Auschwitz (con tutto ciò che ne consegue), Treblinka è tutt'altra faccenda.>> (...) (1)

(Risposta sterminazionista)(2)

<<Auschwitz non era un campo di sterminio e questo lo sappiamo tutti.>>...

Fine citazioni

Attenzione!
L'affermazione, di chi appare come il "copiaincollatore-rilanciatore24/24h" italiano delle discussioni altrui riprese da un sito americano (sito dove trovano ospitalità personaggi sterminazionisti condannati (3) apertamente e bannati dallo sterminazionismo ufficiale), non deve sorprendere il lettore attento, anzi, lo stesso deve prendere atto che è in atto il "definitivo" lancio nella "pattumiera della Storia"
a- della centralità di Auschwitz
b- dei suoi testimoni-sacerdoti
nella continuazione dell' olofabulazione cui si assisterà negli anni a seguire.
Auschwitz è stata, lo è tuttora, nel mirino delle ricerche revisioniste come fonte inesauribile di falsificazioni storiche perpetrate e  di elaborazioni giustificativo-propagandistiche della storiografia conformista tutta tesa a salvare la faccia delle testimonianze, anche le più assurde e sfacciatamente false, che sono ciò che la sorregge, storiografia salariata consapevole della sentenza che ...

“Del 99% di ciò che sappiamo non abbiamo effettivamente prove materiali a sostegno…..è diventato parte della nostra conoscenza ereditata“...(4)

La ricerca revisionista ha demolito la narrazione standard di ogni pretesa azione genocidaria e le pretese testimonianze oculari gaskammeriali oloevangeliche e da lungo tempo si è notato il crescente disagio negli storici di corte autoghettizzati dal comandamento "non si discute coi negazionisti..." sfociato nella via di fuga di uno incremento di attenzione e propaganda sui "campi dell'Est" e sulle operazioni di polizia degli Einsatzgruppen con il contemporaneo calo di interesse per Auschwitz, da sempre termine di paragone e riferimento di generazioni di pseudostorici replicanti i primi falsari dell'immediato dopoguerra. Bisogna pur guadagnarsi il pane!
Perchè ciò?
Semplicemente perchè la ricerca storica non conformista, spregiativamente detta negazionista, aveva smontato progressivamente tutte le certezze
sulla volontarietà del preteso sterminio,
sull'ordine generale di sterminio degli ebrei in quanto tali,
sull'assurda capacità di cremazione dei forni crematori,
sul numero delle pretese vittime, collassate da "4.000.000" a "circa 1.500.000" quindi ri-collassate a "1.000.000" ed (per)ora precipitato rovinosamente a "356.000 gasati"!
Una autentica shoah (disastro)!
Questa la premessa e dato di fatto che ha obbligato la parte più scaltra dello sterminazionismo  a chiedersi: come uscire dall'assedio revisionista?
La risposta è stata: creiamo un altro obiettivo, anzi, più obiettivi, e... a mare la zavorra!
Tutta la fabulazione gaskammeriale standard su Auschwitz era diventata la "zavorra"!
Dal tabernacolo dell'olocau$tianesimo al bidone dell'umido!

 

 

 

Immagine-2. levi primo e le camere a gas, falsità. Click...
Immagine-2. levi primo e le camere a gas, falsità. Click...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

La scelta di questa via di fuga, va precisato, coinvolge, per quanto è dato sapere a tutt'oggi, solo una parte dello sterminazionismo, non certamente chi mangia  scaldando  sedie dietro le cattedre da decenni o vive facendo l'accompagnatore degli studenti nel non "campo di sterminio" di Auschwitz in pericolosi viaggi della memoria (5).
Oggi la parte più scaltra dello sterminazionismo può affermare che Auschwitz "non era un campo di sterminio" riprendendo, con 15 anni di grave ritardo, l'affermazione dell'ebrea sereny gitta!

Alcune domande sorgono spontanee:
1- A quando un pubblico confronto tra le argomentazioni delle due partigianerie sterminazioniste?
2- Che fine faranno tutti  i libri che hanno affermato l'esistenza delle camere a gas ad Auschwitz?
3- Gli autori di tali libri potranno essere citati in tribunale?
4- Non si ravvede una istigazione all'odio razziale nello spaccio di camere a gas ad Auschwitz?
5- Si ri-celebreranno tutti i processi che hanno avuto Auschwitz come teatro?
6- Che fine faranno le testimonianze sulle camere a gas di Auschwitz di
Dragon, Tauber, Flamenbaum, Nyszli, Bendel, Paisikovic, Rosenblum, Muller...
- dell'ebreo venezia shlomo? (vedere qui la demolizione della "sua" testimonianza!)
-  wiesel elie, ebreo, [..."che è stato particolarmente bravo a sfruttare l'onda di emotività e di "santificazione" (spesso eccessiva) che monta tutte le volte che si narra della Shoah. Significa che vi è un battage propagandistico, economico, mediatico e politico che ruota intorno alla Shoah di proporzioni immane. E quindi? Significa che solo per questo la Shoah è un mito. No. Significa che la Shoah è (stata inventata, ndolo) sfruttata propagandisticamente/economicamente/mediaticamente/politicamente"... Fonte: 10-01-2016, 13,55] che non le ha viste ma si è inventato un altro mezzo di sterminio che ha visto solo lui... le fosse ardenti!?...(Vedere qui la sua "esecuzione")
- dell'ebreo levi primo che mai le vide... ma ne scrisse per sentito dire?(Vedere Imm-2)
7- Da quale data si è capito che Auschwitz... "non era un campo di sterminio"?
8- Il vangelo-bibbia, il “Kalendarium der Ereignisse im Konzentrationslager Auschwitz-Birkenau 1939-1945“, di czech danuta e direzione del museo di Auschwitz che certifica l'uso delle "camere a gas" in quel campo, dovrà essere bruciato in quanto non più vero?
9- La confessione dell' SS-Obersturmbannführer Rudolf Hoess-Höß-Höss che "ammise" l'uso della gaskammer... non è più valida?
10- J-C Pressac e i suoi indizi criminali? ... capito, nel cassonetto di riciclo della carta!
Etc...Etc...

Note
0) http://www.termometropolitico.it/
1) https://forum.termometropolitico.it/189993-auschwitz-shoah-e-nazismo-1425.html#post15221006
2) https://forum.termometropolitico.it/189993-auschwitz-shoah-e-nazismo-1425.html#post15221352
3) ..."several forged/faked Holocaust documents created by the Holocaust Controversies group"..."The Holocaust Controversies members are linked to the attack on ARC, as well as the fabrication of forged documents and photos"..."Holocaust Controversies members:Nicholas Terry,Sergey Romanov,Roberto Muehlenkamp,Andrew Mathis,Michael Peters"...(Copia del 25-02-16, da: http://www.deathcamps.org/gas_chambers/trebmuenzberger.html)
4) L'articolo completo  si può consultare cliccando qui  ; il testo originale si trova qui.
5) La pericolosità di tali viaggi della memoria ad si trae da una pubblicazione ebraica-sionista, cliccare qui.

 


Additional information about this document
Property Value
Author(s): Olodogma
Title: Auschwitz non era un campo di sterminio e questo lo sappiamo tutti
Sources:
n/a
Contributions:
n/a
Published: 2016-06-26
First posted on CODOH: Aug. 27, 2019, 1:44 p.m.
Last revision:
n/a
Comments:
n/a
Appears In:
Mirrors:
Download:
n/a