Bradley R. Smith, revisionista americano del CODOH e i sonderkommandos ebraici

Published: 2014-02-23

.

Riceviamo e pubblichiamo

Bradley Smith

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il sempre coraggioso Bradley R. Smith, revisionista americano fondatore del CODOH (Comitato per un dibattito pubblico sull’Olocausto), non abbandona le sue prede. Ci si ricordi della lettera che aveva scritto al Pr Tylicki, responsabile della pubblicità del giornale studentesco “The Daily Trojan”, che non volle pubblicare il suo annuncio: un semplice link sui sonderkommandos ebrei.

Otto giorni più tardi, scriveva al capo redattore dello stesso giornale facendogli notare quanto sarebbe interessante che il Pr Tylicki spiegasse perché, rifiutando il suo annuncio, lasciava intendere che accettasse il punto di vista secondo il quale gli ebrei dei sonderkommandos collaborassero proprio con i Tedeschi per uccidere e poi estrarli dalle camere a gas i loro correligionari e infine ispezionassero i loro cadaveri… Ma B. Smith non si è fermato a questo.

Il 30 gennaio inviò a Steven Spielberg (autore de “La lista di Schindler”) diffondendola largamente la seguente lettera (traduzione rapida.)

Steven Spielberg, USC Shoah Foundation, 650 W. 35th Street, Suite 114, Los Angeles, CA 90089-2571 213-740-6065; [email protected]

Monsieur, all'Université de Caroline du Sud, la sua Fondazione per la Shoah (The Institute for Visual History and Education), si vanta di aver raccolto qualcosa come 52000 testimonianze video in 32 lingue provenienti da 56 paesi. Ho una domanda da porvi: 

C’è una sola (dicasi una) testimonianza sulle 52000, che contesti l’accusa secondo la quale ad Auschwitz i sonderkommandos ebrei avrebbero cooperato pienamente con i Tedeschi nell’uccisione di centinaia di migliaia e forse di milioni di ebrei innocenti nelle camere a gas?

I detenuti ebrei detenuti dei sonderkommandos sono accusati di aver ammassato degli ebrei vivi nelle camere e, una volta morti, di averli estratti, di aver ispezionato i loro cadaveri alla ricerca di denti d’oro o oggetti di contrabbando e, infine di averli portati ai crematori dove sarebbero stati bruciati. Io, in ogni caso non credo a questa storia degli ebrei del sonderkommandos che avrebbero cooperato con i Tedeschi dedicandosi per settimane e mesi interi a queste pratiche disgustose. Penso che su questo soggetto, lei ed io siamo sulla stessa lunghezza d’onda. Sulle 52000 testimonianze di cui dispone il vostro istituto, ce ne dovrebbe essere una (almeno una) che contesti quest’accusa ortodossa della partecipazione bella e buona di questi sonderkommandos a quelle massicce uccisioni di ebrei e altri ad Auschwitz. Potrebbe domandare a uno dei suoi impiegati di cercare tali video e metterli, non solo a mia disposizione, ma in generale a quella del pubblico? Se non si trovasse nessuna testimonianza del genere tra le 52000 che ha raccolto, qualcuno all’istituto potrebbe darmene una spiegazione?

Grazie

_________________________________________________________________Bradley Smith

Note:

1) altri posts di Bradley R. Smith presenti su questo sito

0398) 27-09-2013  Bradley R Smith del CODOH scrive a Jean-François Julliard di Reporters sans frontières

-0385) 17-09-2013 Bradley Smith scrive al direttore della adl (anti-defamation league), l’ebreo foxman abraham

0309) 07-07-2013 Lettera di Bradley R Smith all’ USHMM, United States Holocaust Memorial Museum, sul Diario di Alfred Rosenberg

 


Additional information about this document
Property Value
Author(s): Olodogma
Title:
Sources:
n/a
Contributions:
n/a
Published: 2014-02-23
First posted on CODOH: March 20, 2018, 6:20 p.m.
Last revision:
n/a
Comments:
n/a
Appears In:
Mirrors:
Download:
n/a