Il pregiudizio della progettazione dello sterminio ebraico o olocau$to o $hoah

Published: 2014-09-15

,

Click...
Click...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Dal portale dell'ebraismo italiano traiamo il seguente breve testo del 12 settembre 2014, a fima dell'ebreo meghnagi saul. Intercaliamo, in blue, le normali considerazioni di persone qualunque, prive di pregiudizi e fidanti sull'evidenza delle "prove" e sulla tecnica normale. Il testo selezionato è la premessa indispensabile che regge tutto il resto dell'articolo. La base di supporto è l'avvenuto sterminio in conseguenza di un' idea (di sterminio) di un perfetto e mai identificato ideatore!

_________________________________________________________

!numero,ebrei,1938,world_almanac,new_york_times,1948
Click...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Quale museo della Shoah. L’idea dell’annientamento

(per annientamento si deve intendere annientamento fisico, morte fisica, visto che 3 righe sotto si parla di "strage")

del popolo ebraico e di altri ”diversi”, nel ventesimo secolo, si è sviluppata

( se si da per acquisito che l'idea si sia "sviluppata"ne consegue, obbligatoriamente,  che abbia ben avuto una nascita con relativa data, ma , a maggior ragione, sia stata concepita da qualcuno! ...e da qui la domanda: CHI è il genitore di questa idea? Da quali elementi, documento, libro, registrazione audio, registrazione video, possiamo aver la prova della "paternità"? )

nella “culla” dell’illuminismo, dei valori di “libertà, uguaglianza, fratellanza”, dell’autodeterminazione dei popoli, dello Stato di diritto, in quell’Europa che ascrive a sé i valori fondamentali della democrazia. La progettazione

(ecco uno dei ricorrenti, scontati per nulla, termini!...la progettazione della "strage" o piano di sterminio! Su questa pretesa progettazione/piano il maggior storico sterminazionista, il papa dell'olocau$tianesimo, l'ebreo hilberg raul ha scritto:

...«Ma ciò che cominciò nel 1941 fu un processo di distruzione non pianificato in anticipo, non organizzato centralmente da alcun organismo. Non ci furono progetti né bilancio preventivo per misure di distruzione. Queste furono prese gradualmente, un passo alla volta. Così risultò non tanto un piano da realizzare, ma un incredibile incontro di pensieri, una lettura di pensieri concordanti da parte di una vasta burocrazia» ... (Fonte: Newsday, Long Island, New York, 23 febbraio 1983)

Qui ci troviamo sul piano dello scontro tra l'ebreo estensore dell'articolo e il guru ebreo hilberg raul, storico e punto di riferimento di covate di olostorici standard! Non solamente!...infatti tutta la "scuola sterminazionista funzionalista" è contro il concetto di tale progettazione! Chiaramente il passaggio dall' idea alla progettazione/piano deve avere avuto una fase intermedia identificabile con un ordine di esecuzione di tale idea, a meno che l'ideatore non si fosse messo a tavolino a scrivere di suo pugno il tutto, ipotesi puramente teorica e da nulla supportata, sia documentariamente sia come testimonianza verificata. Quindi ne deriva, necessariamente, un ordine di progettazione! CHI lo ha impartito? Quando è stato impartito? A chi venne impartito? )

e realizzazione della strage

(Si da per acquisito che avvenne una strage, qui non quantificata, ma che nel racconto standard afferma essere stata di 6.000.000 di ebrei, centomila più centomila meno. A puro titolo informativo riportiamo due dati di fonti ebraiche

1) L'Annuario Mondiale ("World Almanac") censisce 15.688.259 ebrei, in tutto il mondo nel 1938.
2) New York Times" del 22 febbraio 1948 ebrei esistenti in tutto il mondo 15.600.000 e i 18.700.000.

Se i numeri hanno un senso le due fonti ebraiche dimostrano che quella strage non è mai avvenuta, quindi non realizzata!)

ha visto l’applicazione programmata della scienza: ingegneri, medici, biologi, tecnici, progettisti, operai per fornire ai carnefici i mezzi più raffinati per lo svolgimento del loro compito.

Kalendarium di czech danuta, versione italiana: Click...
Kalendarium di czech danuta, versione italiana: Click...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

(Ricordiamo che l'inzio delle pretese  gasazioni ad Auschwitz è avvenuta SENZA alcuna "applicazione programmata della scienza", e neppure collaborazione delle altissime gerarchie dello Stato Nazionalsocialista o Waffen-SS, in quanto la prima gasazione pretesamente eseguita sarebbe stata eseguita il 3 settembre 1941 nello scantinato del Block 11 di Auschwitz ad opera del vice comandante del campo, l’SS-Hauptsturmführer Karl Fritzsch, di sua iniziativa, senza alcun ordine dei suoi superiori, che usò lo Zyklon B, lì disponibile per la lotta ai pidocchi, per la “prima gasazione” durante l'assenza del comandante del Campo SS-Obersturmbannführer Rudolf Höss!  Ciò è accettato come verità di Stato, e del museo di Auschwitz  e mondiale! In pratica quella asserita cooperazione NON ha fornito nessuno dei "mezzi più raffinati".)

... Lo sterminio non stato opera dei soli tedeschi: in diversi paesi europei i nazisti hanno trovato collaborazione e connivenza, l’Italia stessa,come è noto, ha avuto un ruolo non banale nel fissare, nel 1938, una legge a “difesa della razza”.

 

Il campo di Ferramonti, due momenti delle visite del rabbino pacifici riccardo, 1942. Click...
Il campo di Ferramonti, due momenti delle visite del rabbino pacifici riccardo, 1942. Click...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

(Il ruolo italiano, fascista,  fino all'Ottobre 1943, 5 anni dopo l'approvazione delle "leggi razziali", riguardo allo "sterminio" è inesistente. Viene tanto propagandata la data del 16 ottobre 1943, quando il Fascismo non era più centro dello stato italiano, ma precedentemente, in periodo fascista, il suolo italiano era meta ambita dai rifugiati di ogni parte d'Europa ebrei e non, ospitati anche  nel  campo di Ferramonti, dove i rabbini andavano e venivano senza problemi a svolgere le loro funzioni e nessun ebreo era stato deportato.)

Oggi fenomeni di razzismo e di antisemitismo riemergono senza quelle remore che in passato li hanno tenuti nascosti: “negazionisti” della Shoah agiscono, seppure condannati, nelle università"  (...) (Fonte http://moked.it/blog/2014/09/12/quale-museo-della-shoah/)

(Vero! Il lavoro revisionista ha prodotto disastri nella narrazione olocaus$tica !...nessun storico salariato standard è in grado di contestare "un Mattogno, per esempio", tanto che la devastazione revisionista, dei fatti pretesamente provati da "centinaia di documenti" , "testimonianze", ha reso INCAPACI gli storici che vanno" centinaia di volte ad Auschwitz", direttori di questo e quello, membri di "task force", legioni di professori universitari , di scrivere in uno STRACCIO DI TESTO DI LEGGE ANTI "NEGAZIONISMO" quali siano i "fatti incontestabili" della favola olocau$tica!)

Conclusione

Non sapendo se l'idea sia mai stata pensata, di chi sia stata  l'"idea" di sterminare gli ebrei, non sapendo chi abbia deciso ed ordinato quel preteso sterminio, non sapendo neppure quante siano le reali vittime di tale sterminio, vengono meno  le certezze che dovrebbero reggere il resto dell'articolo.  Inutile continuare la lettura. Una perdita di tempo. 

______________

 


Additional information about this document
Property Value
Author(s): Olodogma
Title:
Sources:
n/a
Contributions:
n/a
Published: 2014-09-15
First posted on CODOH: Aug. 3, 2018, 4:19 p.m.
Last revision:
n/a
Comments:
n/a
Appears In:
Mirrors:
Download:
n/a