Quando Pio XII temeva Hitler più che Stalin!

Published: 2013-03-19

Premessa
 
Riportiamo ..."“Il ruolo del Vaticano fu fondamentale per gli esiti della seconda guerra mondiale. Proprio dalla Santa Sede, nel 1942, giunsero al Dipartimento di Stato Usa, una serie di documenti di rilevanza strategica incredibile: le mappe del Giappone con la dislocazione degli obbiettivi militari da colpire per distruggere l’industria bellica.
 
hiroshima_victim
Il materiale che si dimostrerà fondamentale per cambiare le sorti della guerra fu spedito dalla nunziatura apostolica di Tokyo, passò alla Santa Sede, poi all’ambasciata irlandese per arrivare a Dublino dove un agente italiano dell’Oss lo trasmise a Londra"... vedere il link: http://olo-truffa.myblog.it/archive/2011/01/02/pio-xii-il-vaticano-e-il-progetto-vascello.html . Olodogma
 
_________________________________________________________________________
 
 
 
QUANDO PIO XII TEME PIÙ HITLER DI STALIN [1]

 

Di Yves-Marie Hilaire

 

CITTÀ DEL VATICANO, martedì 26 febbraio 2002 (http://www.zenit.org/)
Nel suo articolo intitolato: Quand Pie XII redoute Hitler plus que Staline! [Quando Pio XII teme Hitler più di Stalin!], Yves-Marie Hilaire, professore emerito di storia contemporanea all’università Charles-de-Gaulle, Lille III, e consigliere editoriale della rivista Histoire du christianisme, rivela, a partire dai rapporti inediti degli ambasciatori di Francia presso la Santa Sede, lo stato d’animo del Vaticano sull’evoluzione della guerra in Europa. Un articolo pubblicato oggi dal Figaro e che riproduciamo con l’amabile autorizzazione della rivista Histoire du christianisme.
Quando Pio XII teme Hitler più di Stalin!
“Temo Hitler anche più di Stalin”. Due mesi dopo l’aggressione nazista contro l’Unione sovietica, in una lettera del 21 agosto 1941, l’ambasciatore di Francia presso la Santa Sede, Léon Bérard, riferisce all’ammiraglio Darlan questa confidenza di Pio XII. Bérard racconta la scena: “Un membro del Sacro Collegio si è complimentato con il papa per non aver fatto la minima allusione alla guerra contro l’URSS durante la consegna delle credenziali del nuovo ministro della Romania (in guerra contro l’URSS a fianco della Germania, ndlr). Il papa ha risposto al cardinale: “Non abbiate timore, io temo Hitler anche più di Stalin”. Aggiunge Bérard: “Questa valutazione è tanto più rimarchevole in quanto il pericolo comunista non ha mai cessato di essere in cima alle preoccupazioni del Vaticano”. I rapporti dei due ambasciatori di Francia, Wladimir d’Ormesson (da maggio a ottobre del 1940) e poi Léon Bérard (fino all’agosto del 1944) forniscono delle informazioni inedite sullo stato d’animo del Vaticano di fronte all’evoluzione della guerra in Europa. Vi si apprende che Hitler è considerato come il nemico della civiltà cristiana e che il papa ripone tutte le speranze nella resistenza inglese e nell’aiuto americano. E soprattutto: che l’attacco contro l’URSS non è affatto considerato come una “crociata”. Questi rapporti sono disponibili negli archivi del ministero degli Affari esteri, serie Z, Europa-Santa Sede 1939-1945.
Il 24 luglio 1940, dopo aver incontrato Mons. Tardini, sostituto della segreteria di Stato, d’Ormesson scrive: “Per la Santa Sede, il bolscevismo resta evidentemente il nemico numero uno, ma tutto ciò non la rende molto più indulgente per il nazismo, che la tratta con riguardo perché è vicina e perché la si teme ma la si detesta. A tale riguardo, Mons. Tardini, che definisce Hitler “Attila motorizzato”, mi ha egualmente confidato che egli ritiene che tanto la Spagna come l’Italia siano più che mai in questo momento nelle mani della Germania”.
Il 21 agosto 1940, Myron Taylor, inviato del Presidente degli Stati Uniti Roosevelt, viene ricevuto dal papa: “Il papa ritiene che solo la resistenza dell’Inghilterra sarebbe capace di bloccare l’egemonia tedesca, e non ha nascosto a Myron Taylor tutta la speranza che ripone in essa”, scrive ancora l’ambasciatore di Francia.
Il 13 settembre 1940, d’Ormesson viene ricevuto la mattina dal papa. Egli racconta: “Chiedo quale sia la posizione attuale della Chiesa in Germania. Il papa risponde che è la peggiore possibile, che la scristianizzazione viene perseguita con metodo e con un’asprezza particolare in Austria. (…) Il papa non ha nascosto l’ammirazione che gli ispira la tenuta morale della nazione inglese, malgrado i bombardamenti a cui viene sottoposta. Mi ha fatto un vivo elogio del re e della regina, che sono restati nella capitale e che danno l’esempio”.
Il 28 ottobre 1940, d’Ormesson consegna il suo rapporto complessivo sulla sua missione. Riguardo all’attitudine della Santa Sede, egli scrive: “Essa è molto favorevole all’Inghilterra e agli Stati Uniti, nettamente ostile alla Germania, ancora di più all’URSS, affettuosa e desolata verso l’Italia. (…) La Santa Sede teme soprattutto il trionfo totale della Germania. Per l’Europa, per l’Italia e infine per la Chiesa. (…) La Santa Sede riteneva che l’Inghilterra avesse degli atout per una trattativa dopo la disfatta francese … Quando ha visto affermarsi e prolungarsi la resistenza inglese, ha pensato che l’Inghilterra potrebbe forse ancora salvarsi, il Vaticano ha riposto tutte le sue speranze in questa resistenza e nell’aiuto degli Stati Uniti. (…) Nessuna traccia di simpatia per il nazismo in Vaticano: Hitler è davvero considerato come il nemico della civiltà cristiana”. L’ambasciatore ritiene che solo una cosa potrebbe modificare questa situazione (…) Un cambiamento radicale dell’atteggiamento della Germania verso l’URSS e un conflitto tra queste due potenze. Poiché il bolscevismo è il nemico principale della Chiesa, la Germania ne verrebbe riabilitata”. In questo caso, potrebbe esservi un’eventuale “crociata” contro l’URSS.
Quando, il 22 giugno 1941, i nazisti scatenano l’operazione Barbarossa, il Vaticano cambia la propria linea di condotta? La corrispondenza del petainista Léon Bérard prova il contrario.
Il 22 febbraio 1941, Bérard redige un grande rapporto destinato a Darlan, intitolato Le Saint-Siège et la guerre, rétrospective. Estratti: “La Santa Sede vede un’opposizione fondamentale, teoricamente irriducibile tra la dottrina della Chiesa e quella cui si ispira il nazionalsocialismo” (quattro pagine sull’argomento). Bérard ricorda poi l’enciclica Mit brennender Sorge (1937) e la “Lettera della congregazioni romane dei seminari e università” (1938) che condannano il razzismo. Secondo lui: “La Santa Sede ritiene che il nazismo per come si è manifestato al mondo implica una confusione totale del temporale e dello spirituale. E oltre a ciò, la Chiesa non potrebbe transigere che al prezzo di quella che ai suoi occhi sarebbe un’abdicazione”.
Il 4 settembre, Bérard riferisce a Darlan di un colloquio con Mons. Tardini. Costui fa notare la delusione delle potenze dell’Asse (in guerra con la Russia, ndlr), soprattutto in Italia (…) per il fatto che nessuna delle parole della Santa Sede dopo due mesi contiene allusioni alla “crociata” contro il bolscevismo”. Da parte sua, sempre secondo Bérard, il cardinal Maglione, segretario di Stato, non nasconde la sua ammirazione per il patriottismo, la tenuta e la tenacia del popolo inglese.
Il 21 gennaio 1942, Bérard riferisce le frasi di diversi diplomatici tedeschi di stanza a Roma nell’una o nell’altra delle due ambasciate (presso la Santa Sede e presso l’Italia): “Non vi sarà posto per la Santa Sede nell’Europa dell’ordine nuovo”. E ancora: “Si farà del Vaticano un museo, avrebbe dichiarato uno di loro, e non dei meno importanti”. Bérard aggiunge ancora: “In Vaticano non si fanno illusioni: in piena guerra, il fatto che il regime hitleriano abbia così pochi riguardi verso le confessioni cristiane nel Reich … è considerato come un’indicazione delle misure radicali che verrebbero prese all’indomani di una vittoria”.
 

[1] Traduzione di Andrea Carancini. Il testo originale è disponibile all’indirizzo: http://www.zenit.org/article-2406?l=french .
Sull’argomento, vedi anche:
Le révisionnisme de Pie XII (Il revisionismo di Pio XII) di Robert Faurisson
il mio post Pio XII e le camere a gas
e il paragrafo Pio XII: più antinazista che anticomunista, dal post FATIMA O L’ALIBI DELL’ANTICOMUNISMO :
 
Pubblicato 13 maggio 2012
Fonte:
http://andreacarancini.blogspot.it/2012/05/quando-pio-xii-temeva-piu-hitler-di.html
__________

Additional information about this document
Property Value
Author(s): Olodogma
Title:
Sources:
n/a
Contributions:
n/a
Published: 2013-03-19
First posted on CODOH: May 17, 2017, 3:25 p.m.
Last revision:
n/a
Comments:
n/a
Appears In:
Mirrors:
Download:
n/a