Traduzioni del talmud, Andreotti, Consiglio Nazionale delle Ricerche,CNR, Enciclopedia Treccani

Published: 2013-03-25

Povertà e irresponsabilità

a) Dati preoccupanti emergono dal rapporto annuale dell'Istat, «Noi e l'Italia», fotografia statistica dello «stato di salute» del Paese. Nel 2011 le famiglie in condizioni di povertà relativa sono l'11,1%: si tratta di 8,2 milioni di individui poveri, il 13,6% della popolazione residente. Nel rapporto si dice anche che la povertà assoluta coinvolge il 5,2% delle famiglie, per un totale di 3,4 milioni di individui. (Fonte del 22 gennaio 2013: http://www.corriere.it/economia/13_gennaio_22/istat-rapporto-poveri-disoccupati_4876072a-64ae-11e2-8ba8-1b7b190862db.shtml) b) Pil in caduta, consumi ancora a picco e allarme povertà. Secondo le stime dell'ufficio studi di Confcommercio, diffuse in occasione del Forum di Cernobbio, nel corso del 2013 saranno oltre 4 milioni le persone “assolutamente povere”  in Italia. Per il 2011 il dato certificato dall'Istat indicava 3,5 milioni di poveri. Negli ultimi cinque anni l'Italia “ha prodotto” 615 nuovi poveri al giorno.(Fonte del 22.03.13: http://www.vita.it/welfare/poverta/boom-di-poveri-in-italia-sono-oltre-4-milioni.html) $$$_ museo,olocausto,roma,approvazione.spese,senza,ritornoCiò non ostante, al 25.03.2013, si continuano le spese come se nulla fosse! Nessuno che abbia proposto di sospendere queste spese assolutamente improduttive  destinando quei soldi a ridurre il numero di quei 4.000.000 di  persone “assolutamente povere” ! Nessuno!  Vediamo la cronaca dei fatti sulla voce di spesa 4 (traduzione del talmud)...

__________________________

Un pò di cronaca spicciola...

__________________________

 1) Il Talmud sarà tradotto in italiano, i rabbini di Roma coordinano il team.

È uno dei testi sacri dell'ebraismo, ma non è mai stato tradotto in italiano. Ora manca soltanto la firma del ministro dell'Istruzione Gelmini per partire, poi serviranno cinque anni di lavoro - con un team di 30 persone - per una versione nella nostra lingua del Talmud babilonese....(…) La traduzione in italiano, con il patrocinio della Presidenza del Consiglio, sarà coordinata dal collegio rabbinico della capitale, e la firma della Gelmini non pare un problema: "Ci hanno promesso che arriverà a breve" dice ancora Di Segni.(…) (27 novembre 2010) Fonte: http://roma.repubblica.it/cronaca/2010/11/27/news/il_talmud_sar_tradotto_in_italiano_i_rabbini_di_roma_coordinano_il_team-9566092/

2) “Talmud tradotto. Così il Cav soffia gli ebrei al Fli, di Franco Bechis...

La somma trovata, pur fra le pieghe dei tagli imposti da Giulio Tremonti, è rilevante:... in quel fiume di fondi pubblici che spunta una decisione piccola ma importantissima per la comunità ebraica: il fondo governativo per la ricerca ha deciso di finanziare un progetto che il Cnr ha siglato con l’Unione delle Comunità ebraiche italiane- Collegio rabbinico nazionale. Si mette a disposizione un milione di euro per il 2011 e se ne garantiscono già altri quattro milioni fino al 2015 (qualsiasi governo sarà tenuto a rispettare la decisione) per «la traduzione integrale in lingua italiana, con commento e testo originale a fronte, del Talmud, opera fondamentale e testo esclusivo della cultura ebraica »... Vista la complessità dell’opera, non deve stupire l’impegno finanziario per la traduzione in italiano (5 milioni di euro), visto che per cinque anni dovrà lavorare una squadra di trenta professionisti. La scelta del governo e del Cnr ha ovviamente scatenato l’entusiasmo sia del rabbino capo di Roma, rav Riccardo di Segni, sia del direttore del collegio rabbinico, Gianfranco Di Segni (che è biologo molecolare proprio al Cnr)... (Fonte: Libero dell’8 dicembre 2010)

Lette le due notizie ne derivano 5 osservazioni/domande:

1) Il CNR ha fatto un accordo  senza aver soldi in tasca (la Gelmini non aveva ancora firmato il decreto), fidando in un finanziamento (che poteva non arrivare) ! 2) Chi ha proposto al CNR di impegnarsi SENZA avere i soldi per onorare l'impegno? 3) Cosa ha convinto il CNR a firmare tale accordo, senza aver la certezza di avere i soldi? 4) Qualcuno ha garantito che i soldi sarebbero arrivati, quindi si poteva firmare l'accordo? 5) Chi ha lanciato l'idea, al CNR, di tale accordo?

_________

Traduzioni del talmud...CNR... nel tempo...che strano binomio!

_________

La "memoria storica", personificata nel Dr. Gianantonio Valli, ci informa di un altro "caso" di traduzioni del talmud, addirittura in lingua russa, dove entra in gioco il CNR italiano! Quando si dice le coincidenze! Riportiamo un breve testo del Dr. Gianantonio Valli, tratto da ...

" L'ambigua evidenza.L'identità ebraica tra razza e nazione" 

© 2010 effepi, via Balbi Piovera, 7 - 16149 Genova, luglio

IV La conferma talmudica, pagg.51-52-523

(...) Rileva William Scott Green: «In Israele il Talmud è studiato anche nelle scuole laiche; esso è usato dai tribunali rabbinici (particolarmente nelle questioni concernenti la condizione della donna); esso è apertamente considerato come una parte del retaggio culturale della nazione. Anche per queste ragioni la versione ebraica di Steinsaltz ha venduto annualmente 75.000 copie per ogni volume – in totale più di un milione – un bestseller». Per il rabbino ed i suoi collaboratori tale opera è divenuta lo scopo principale del loro impegno culturale. 6 Continua Green: «Rendere il Talmud accessibile ad ogni ebreo sembra essere il perno della loro missione evangelizzatrice [evangelistic] per reinnestare gli ebrei sul tronco del loro retaggio religioso, per fare gli ebrei più ebrei. Un secondo passo verso tale obbiettivo è il progetto di Steinsaltz di pubblicare entro il 1993 cinque volumi di una traduzione russa del Talmud [progetto del cui esito non sappiamo, attualmente,indicare la data], sponsorizzata non solo dall'Accademia Sovietica [poi Russa] delle Scienze, ma dall'italiano Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) in collaborazione con l'Istituto dell'Enciclopedia Treccani [alla cui testa nel 1993 ( fino al 1998,ndr ) viene messa l'ultraottantenne biologa ebrea Rita Levi Montalcini]. Steinsaltz giudica il Talmud essenziale per la sopravvivenza dell'ebraismo, sia fisico che culturale. Egli sostiene che le comunità ebraiche che hanno perso il loro contatto col Talmud si sono in poco tempo dissolte. Egli ha dichiarato al Washington Jewish Week (21 dicembre 1989) che "non c'è civiltà letteraria per un ebreo senza una conoscenza del Talmud. Il Talmud è una tra le maggiori componenti della nostra cultura, del nostro comportamento,del nostro carattere. Se voi non lo conoscete, non conoscete neppure voi stessi. Esso è un certo qual elemento che va al di là della religione, al di là della cultura [...] La gente chiede: Perché gli ebrei rispondono sempre ad una domanda con una altra domanda? L'ebreo risponde: Perché no? Questa risposta è il Talmud, un elemento di grande importanza nella discussione talmudica"».(...) Nota 6. Legatissimo a Steinsaltz, suo estimatore, amico e finanziatore, è l'ex pluripresidente del Consiglio, pluriministro e senatore a vita democristiano Giulio Andreotti, elogiato da Miriam Feldman dell'American Jewish Joint Distribution Committee come «uno dei discepoli del rabbino. Dopo un discorso di Steinsaltz al Parlamento italiano [nell'ottobre 1993], riuscì a far approvare una legge per il finanziamento della traduzione». Il Talmud in russo non è la sola prodezza di Andreotti: da ministro degli Esteri aveva aiutato il rabbino a creare a Mosca un centro di studi giudaici finanziato dalla Aleph Society di New York, nel cui board sedevano il senatore Patrick Moynihan e il finanziere «ceco-inglese» mossadico Robert Maxwell.(...) Olodogma: a questo punto sarebbe interessante appurare chi, nel CNR, abbia promosso la "sponsorizzazione" di tale "impresa"!

__________

Additional information about this document
Property Value
Author(s): Olodogma
Title:
Sources:
n/a
Contributions:
n/a
Published: 2013-03-25
First posted on CODOH: May 22, 2017, 4:14 p.m.
Last revision:
n/a
Comments:
n/a
Appears In:
Mirrors:
Download:
n/a