La filosofia umilia la storiografia? L'ebreo meghnagi david ha trovato il progetto di sterminio?

Published: 2014-09-23

.

il "progetto di sterminio" ebraico c'è!!! (si fa per dire!)

 

 

van pelt Click per ingrandire
van pelt. Click per ingrandire
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

A cappello del post mettiamo il ragionamento compiuto dell'attuale maggior esperto mondiale, tecnico, di scuola sterminazionista, l'ebreo van pelt robert jan, perito di parte nel processo Irving-lipstadt [la bocca che non sapeva nulla (di olocau$to)] che obtorto collo ha dovuto ammettere: …

 Del 99% di ciò che sappiamo non abbiamo effettivamente prove materiali a sostegno…..è diventato parte della nostra conoscenza ereditata “…

Potremmo chiedere a tale luminare di storia cos’è quel restante 1% di cui avrebbe “prove materiali a sostegno”!? Non crediamo che “il progetto di sterminio” + le "camere a gas" + i "sei milioni",  sia un miserabile 1% !

Fine del cappello!

__________________________________________________________________

 

meghnagi david

 

 

 

 

 

 

 

 

Quello che nessuno storico aveva mai trovato ed esibito, il "progetto di sterminio" degli ebrei , sarebbe stato trovato?

Olodogma dice...perchè non fornire ai volenterosi carnefici di negazionisti il testo originale di tale progetto? ...quantomeno i riferimenti d'archivio che, sicuramente, lo identificano e posizionano!

Su quel testo, finalmente, i volenterosi carnefici di negazionisti potranno scrivere quella legge anti-negazionismo che NESSUN STORICO olocau$tico, da solo o in branco "task-force", è riuscito a scrivere!

Dunque quello che nessuno storico ha mai trovato ed esibito, il "progetto di sterminio" degli ebrei , sarebbe stato trovato, dato che  l'ebreo megnaghi david (..."Mi sono laureato in filosofia"...) nella

meghnagi,progetto di sterminio. Click...
meghnagi,progetto di sterminio. Click...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
..." seconda giornata del Meeting le 2ue Culture in corso di svolgimento al centro di ricerche genetiche Biogem fino al 7 settembre"...quando..."il professore di psicologia dell’Università di “Roma Tre” (megnaghi david) si è confrontato con Cosimo Risi, ambasciatore d’Italia a Berna"...

ha affermato

Il negazionismo non è un fatto recente. E’ parallelo al progetto di sterminio... I negazionisti non vogliono cancellare il passato. Il loro obiettivo ... è il futuro”.

Con "progetto di sterminio" si possono intendere due cose ben distinte: un "progetto" teorico ed un "progetto" operativo. Sembra che il meghnagi si riferisca a quest'ultimo in quanto lo da come "parallelo" ad una azione pratica... "i nazisti accompagnavano la loro attività ( "la distruzione" )  negandola".

Se questa lettura è corretta, l'affermazione è di assoluta portata storica perchè l'esistenza di un "progetto di sterminio", inevitabilmente, presuppone 
-un ideatore, 
-un approvatore, 
-un decisore, 
-un ordinatore per l'elaborazione di tale progetto,
 tutte figure che contraddicono il massimo storico sterminazionista mondiale, l'ebreo hilberg raul, papa dell'olocau$tianesimo, la cui opera "La distruzione degli ebrei d'Europa" è da oltre 50 anni bibbia olocau$tica e punto di riferimento di generazioni di storici standard; hilberg, che ha lasciato scritto ...

« Ma ciò che cominciò nel 1941 non era nessun tentativo di genocidio, pianificato in anticipo e organizzato da un ufficio centrale . Non c’è stato nessun piano e nessun bilancio per questi provvedimenti di genocidio…Ciò accadde perciò non certamente eseguendo un piano ma per un’incredibile coincidenza d’intenzioni, una concordante LETTURA NEI PENSIERI A L T R U I d’una burocrazia [tedesca] di ben grande portata.»

..e non è il solo storico, eletto o goy, a pensarla in questo modo, tanto che si è creata negli storici standard una corrente maggioritaria detta "funzionalista", in netta contrapposizione alla corrente "intenzionalista"(1)...

Lo storico ebreo friedländer saul (al Convegno di Parigi del luglio 1982)

..."dalla fine degli anni Sessanta, la storiografia sul nazionalsocialismo, soprattutto nella Germania Federale, si divide – implicitamente o esplicitamente – in due campi opposti: “intenzionalisti” e “funzionalisti”. Per gli intenzionalisti c’è una relazione diretta tra ideologia, pianificazione e decisioni"...  (2)

..."la posizione intenzionalista afferma «la continuità tra l’ideologia degli inizi e lo sterminio finale», quella funzionalista, che presenta a sua volta aspetti contrastanti, è riconducibile al comun denominatore che lo Stato nazista rappresentava un sistema in gran parte caotico in cui le decisioni maggiori erano spesso la risultante delle pressioni più varie, senza che ci fossero necessariamente pianificazione, previsione o ordini chiari provenienti dall’alto"... (3)

Dissociarsi da chi fissa nella TELEPATIA il mezzo di trasmissione di ordini" di sterminio", ed operativi in genere, è indice di intelligenza, indubbiamente, ma nel contempo IMPEGNA a fornire la fonte da cui è derivata la propria affermazione, l'indispensabile ,  documentazione di riferimento. Documentazione che NON arrivera mai, ma noi aspettiamo, non fiduciosi! Ciò che conta è quello che si scrive o dice... ed è stato detto.

..."L’Ambasciatore Cosimo Risi ha sottolineato che ...in certe forme il negazionismo diventa reato e ha studiato le radici del fenomeno. “Negare l’olocausto significa tentare di negare il mito fondante dello Stato di Israele"...quindi..."la sua stessa esistenza che si baserebbe per i negazionisti su una montatura”...  Fonte http://www.irpinianews.it/CulturaEventi/news/?news=142562

 

Natali Cohen al memoriale dell'olocausto di Berlino, dissacrato, 2014. Click...
L'ebrea cohen natali al memoriale dell'olocau$to di Berlino, "dissacrato", 2014. Click...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Dello "stato ebraico" israele nulla, qui, ci importa, tranne il dettaglio che esista e che contenga quanti più sionisti possibile, magari tutti; ci importa, invece, che venga riconosciuto che il cosiddetto olocau$to ebraico, elaborato dalla mitopoiesi alleato/sionista, rappresenta il... "mito fondante dello Stato di Israele" , e...per logica deduzione spunta la feroce domanda ...senza la creazione del mito...non sarebbe sorto nessun "stato ebraico"!?

Come potreste giustificare il 1948 e il 1967 senza di me (dell'olocau$to, ndr)? (4)

...poi accusano i revisionisti di complottismo!

.

Note

1) Sulle idiote dispute ( o seghe mentali vere e proprie, o semplici scuse, o miseri espedienti,  per galleggiare nello sterco del girone sterminazionista )  funzionaliste vs intenzionaliste consigliamo la lettura dell'ottimo lavoro di Carlo Mattogno "Raul Hilberg e i «centri di sterminio» nazionalsocialisti. Fonti e metodologia", più precisamente il capitolo V "Hilberg e le conoscenze della storiografia olocaustica, sul Führerbefehl all’inizio degli anni Ottanta. Bilancio di due convegni storici" ed "Hilberg al convegno di Parigi" quindi "Il congresso di Stoccarda" , per consultare il testo CLICCARE QUI.

2)  Fonte Colloque de l’École des Hautes Études en sciences sociales. L’Allemagne nazie et le génocide juif. Gallimard, Parigi, 1985, pag.22.

3)  Fonte S. Friedländer, «Il dibattito storiografico sull’antisemitismo nazista e lo sterminio degli Ebrei», in: Storia contemporanea, anno XIV, n. 3, giugno 1983, p. 20 e 419.

4) Affermazione del 2014 dell'ebrea cohen vaxberg natali, cliccare QUI

______________

 


Additional information about this document
Property Value
Author(s): Olodogma
Title:
Sources:
n/a
Contributions:
n/a
Published: 2014-09-23
First posted on CODOH: Aug. 6, 2018, 5:33 p.m.
Last revision:
n/a
Comments:
n/a
Appears In:
Mirrors:
Download:
n/a